fbpx

RONALDO, Le lodi di Bolt e le sirene francesi

Cristiano Ronaldo è un fuoriclasse del calcio ma, ancor prima di dare del tu al pallone, è un atleta formidabile, mai pago dei traguardi raggiunti e sempre ambizioso di migliorarsi.

SUPER ATLETA-Come riporta Marca, arrivano per CR7 i complimenti di Usain Bolt. Il pluricampione olimpico si congratula con il portoghese: “Lavora duro tutti i giorni e per me è un superatleta, è sempre al top, sempre concentrato. Credo che oggi sarebbe più veloce anche di me”. Non sappiamo se Ronaldo possa battere il giamaicano sui cento metri ma è più probabile che il portoghese abbia la meglio su Bolt nel rettangolo verde. “Forse se fossi rimasto in Europa sarebbe andata meglio- commenta il campione olimpico a proposito di una carriera calcistica mai sbocciata- e invece avevo scelto l’Australia perché pensavo di stare così più lontano dai media, con meno pressioni, ma non ha funzionato come pensavo”.

PSG- I tifosi della Juventus si augurano che il proprio fuoriclasse non sia rapido quanto Bolt ad accettare la corte del PSG. Strada da non escludere secondo Didier Dechamps, attuale ct francese e grande ex bianconero. Alla vigilia della sfida della sua Francia al Portogallo di CR7, il commissario tecnico parla anche delle variabili del mercato: “Tutto è possibile nel calcio ma lui è con un grande club, la Juventus, che è molto felice di averlo, come gli altri suoi ex club. Se è probabile che venga a Parigi, non lo so. Ma è uno dei giocatori che hanno avuto più continuità negli anni ai massimi livelli”. Un campione a tutto tondo, dunque, con tutto ciò che questo può comportare. “Ovviamente per il giocatore che è, per quello che è capace di fare, quello che ha fatto e quello che può rappresentare a livello mondiale, attira l’attenzione su di lui e sul club in cui gioca. Lo è sempre stato” spiega Dechamps, mettendo in evidenza una componente di non poco conto nell’affare Ronaldo.

About Redazione

Leggi anche

CORRIERE, Morata: l’amuleto anti-Inter

Alvaro Morata nell’approccio a Inter-Juve può ripartire dal numero quattro, che sono le reti che …