BARILLA’: “Voglio vedere la Juve contro avversari più forti”

Il giornalista de La Stampa Antonio Barillà interviene ai microfoni di Radio Sportiva e commenta la vittoria della Juventus sul Cagliari di Di Francesco.

IDENTITA’ TATTICA- Il punto di forza dei bianconeri è stata la manovra corale che ha legittimato il risultato: “Non è stata una vittoria costruita solo sulle giocate di un fuoriclasse come Ronaldo– spiega Barillà– ma è arrivata attraverso il gioco di una squadra che ha sempre più una identità tattica nel 4-4-2 ibrido di Pirlo, oltre ad aver mostrato una determinazione che non si era vista in altre partite”.

PROVA DEL NOVE- L’avversario incontrato sabato scorso non può, secondo il giornalista, essere un test troppo attendibile. Il Cagliari è apparso ben poca roba al cospetto di una Juve più brillante. “La crescita è evidente ma è da valutare meglio di fronte ad avversari più corposi”- aggiunge Barillà, sicuro che arriveranno prove ben più dure per gli uomini di Pirlo.

DIFESA- Qualche spunto di riflessione interessante sull’argomento reparto difensivo. Al centro dell’attenzione l’inedita coppia De Ligt-Demiral. Barillà è convinto che “Ci sarà un progresso graduale perchè non si possono mettere in discussione Chiellini e Bonucci e perchè questa coppia giovane, che rappresenta il futuro, va valutata contro avversari più corposi, visto che l’attacco del Cagliari ieri è stato inesistente”. Anche in questo caso urgono test più probanti. Di una cosa però il giornalista de La Stampa pare sicuro: “De Ligt sarà titolare, mentre Demiral avrà un ingresso più graduale”. Del resto è dell’ultima ora la defezione del difensore turco fermato in allenamento da un’elongazione a un muscolo della schiena che lo terrà ai bo per almeno dieci giorni.

About Redazione

Leggi anche

JUVENTUS, L’ascesa dei bianconeri sul mercato asiatico

La visibilità del brand Juventus cresce in Asia, mentre diminuisce lo share di Inter e Milan. Merito dei …