fbpx

PLATINI: “Avrei potuto giocare con Maradona”

Un frizzante Michel Platini risponde alle domande de La Gazzetta dello Sport e condivide il suo ricordo di Maradona.

DOTI TECNICHE- L’ex bianconero traccia un profilo dettagliato dell’argentino: “Diego aveva tutto, tutti i mezzi tecnici per essere un campione: il piede sinistro era favoloso”-riconosce Michel Platini, ricordando anche un’altra caratteristica di Maradona: “Aveva una rapidità che io purtroppo non ho mai avuto. Però lui era più un attaccante, una seconda punta e invece io molto più centrocampista: eravamo diversi”. Del resto ” non diventi Maradona se non nasci con questi mezzi”, ammette Le Roi.

IL PRIMO INCONTRO- Platini racconta la prima volta che ha avuto occasione di conoscerlo di persona. Accadde a Buenos Aires nel 1979, durante la partita Argentina-Resto del Mondo. “C’eravamo io, Rossi, Tardelli e Boniek, allenati dal vostro Enzo Bearzot che mi aveva voluto in squadra- spiega Michel– Dall’altra parte i campioni del 1978 con Diego ancora giovanissimo”. Ma già grande come i più grandi della storia del pallone, quelli che segnano un’epoca. Per questo motivo Platini non vuole raffronti: “Come si fa a dire se sono meglio i Beatles o Battisti? Celentano o Jacques Brel? Sono paragoni che non hanno senso nella vita e neanche nel calcio”.

LUOMO MARADONA- Una breve considerazione anche sul lato umano, segnato da una devastante fragilità. “Penso che Diego sia stato una persona molto gentile e generosa in un mondo che però l’ha aiutato poco -riflette l’ex fuoriclasse bianconero- Tutti quelli che lo frequentavano dicevano che fosse molto simpatico, ma forse non gli hanno dato quello di cui aveva veramente bisogno”.

SUGGESTIONE- C’è, infine, spazio per un racconto di cui pochi sono a conoscenza. Il club partenopeo sarebbe stato sulle tracce di Platini, come lo stesso francese ammette: “Non so se l’Avvocato Agnelli sognasse una Juve con me e Maradona assieme, ma Dal Cin aveva provato a portarmi al Napoli“. Un affare che se fosse andato a buon fine avrebbe comportato un cambio di numero: “Gli avrei lasciato la maglia numero 10 perché era a casa sua e io avrei preso la 20, che vale il doppio”, conclude ironico Platini.

About Michele Paoletti

Leggi anche

RASSEGNA STAMPA, Le prime pagine dei quotidiani

Inutile oggi commentare le prime pagine dei quotidiani sportivi. Ieri ci ha lasciato, all’età di …