BERNARDESCHI: “Se sono quello che sono oggi, è sicuramente grazie alla Juve”

Le sue parole sui propri anni a Torino

LE DICHIARAZIONI – Intervistato ai microfoni di “DAZN“, Federico Bernardeschi, ex attaccante bianconero, parla della propria avventura passata alla Juventus. Di seguito, le sue affermazioni:

“Quando entrai nello spogliatoio bianconero avevo 23 anni e di 23enni non ce n’erano. Buffon, Chiellini, Bonucci, Barzagli, Marchisio, Khedira, Mandzukic, Matuidi… Te ne ho citati 8 che hanno vinto il Mondiale, la Champions… Di cosa parliamo? Del nulla. A 23 anni entrare in uno spogliatoio di questa gente qui… Se sono quello che sono oggi è sicuramente grazie ad una percentuale di quello spogliatoio. Con la personalità, con il carattere, ma comunque con grandissimo rispetto. Rimpianti? No, proprio zero. Ho giocato in un top club europeo, ho vinto tantissimo, sono campione d’Europa e abbiamo fatto un qualcosa di straordinario con i miei compagni in Nazionale. Quando rivedo questo bambino, che è partito alla Fiorentina, mi chiedo quali sogni avesse allora: questi”

Bernardeschi, poi, parla anche del Toronto, la sua nuova squadra:

“Non avrei mai fatto una scelta del genere se prima non fossi venuto a vedere com’era. Avevo la possibilità di rimanere in due grandissimi club in Italia. Sono Federico Bernardeschi, mi trovo a Milano e prendo un aereo con scritto ‘Toronto’, mica ‘Los Angeles’ o ‘New York’: quindi ci vado con la mia famiglia così, se fosse uscito qualcosa, avrei usato la scusa della vacanza. Se tra 5 anni la MLS diventa il campionato principale al mondo, cosa mi dici: ho fatto un passo avanti o uno indietro?”

About Redazione

Leggi anche

GDS, Le parole di Allegri: “Abbiamo qualità per affrontare questa sfida con entusiasmo”

Le parole del mister bianconero, in vista del match di questa sera all’Allianz Stadium LE …