BIRINDELLI: “Dzeko? Prima le dirigenze sapevano ricucire gli screzi”

L’ex bianconero Alessandro Birindelli ha commentato la serie A e il mercato ai microfoni di TuttomercatoWeb Radio, durante Maracanà.

I difensori di oggi non sono più molto attenti all’uomo

“L’attenzione all’uomo viene meno, soprattutto si portano i difensori a giocare fuori alla loro zona di comfort. Chiellini lo dovrebbero clonare perché i risultati positivi vengono anche da lui e dal suo atteggiamento. Gli allenatori hanno smesso di allenare. Le partite si vincono vincendo più duelli individuali. Giusto seguire l’innovazione ma guai a lasciare i nostri caratteri distintivi”

Sullo scambio Dzeko-Sanchez

“Credo sia fantacalcio, però poi sappiamo che si vengono a creare delle opportunità e tutto è possibile. Mi pare di capire che ci sia questa rottura netta tra Dzeko e Fonseca e credo che avere un elemento scontento è complicato. Bisogna capire quanto sia desiderio della Roma prendere Sanchez. Di sicuro ne gioverebbe l’Inter, perché Conte lo ha considerato sempre un giocatore importante”

Anche alla Juve potevano esserci queste situazioni ma erano nascoste e subito ricucite

Prima c’erano dirigenti veri. E’ questa la differenza. Se ogni volta che c’è uno screzio un giocatore vuole andare via… La società era brava a ricomporre la situazione. Forse la classe dirigenziale ora ha poca forza in certe situazioni. Se c’è una dirigenza vera, prende Dzeko e Fonseca e prova a ricucire, perché Dzeko sul mercato davvero è fantacalcio. Magari si ricuce e si rimanda tutto a fine anno, quando le cose possono cambiare”

About Redazione

Leggi anche

MERCATO, Anche la Juventus in corsa per il nuovo talento della MLS

Si chiama Ricardo Pepi, ha 18 anni ed è il nuovo astro nascente del calcio …