BRAMBATI: “La Juve fa le cose senza un progetto”

Intervenuto ai microfoni di TuttomercatoWeb Radio durante la trasmissione Maracanà, Massimo Brambati fa il punto della situazione in casa Juventus.

DELUSIONE PIRLO- L’ex calciatore e procuratore sportivo mette in evidenza lo scarso rendimento della Juventus in campionato, con una particolare critica alla scelta dell’esordiente tecnico bresciano. “Sono tanti a difendere questa situazione, che è imbarazzante -commenta Brambati– Non è che se Pirlo lo ha scelto la società, non si può dire che non ha sbagliato”. Il confronto con il suo predecessore non è lusinghiero per l’attuale allenatore bianconero. “Ad oggi altri sarebbero stati cacciati con questi risultati -riflette il procuratore- Sarri dopo tre pari di fila con certe squadre sarebbe stato mandato via”.

QUESTIONE RONALDO- Alla domanda se la squadra bianconera fosse troppo dipendente da Cristiano Ronaldo, Massimo Brambati invita a spostare la riflessione sull’espressione del gioco corale. “Quando vai a giocare una partita di Serie A o Champions, se pensi che quella partita è facile, quella non lo sarà mai -osserva sicuro il procuratore, per poi aggiungere- Il calcio non è fatto di figurine. Le squadre sono fatte di 25 elementi, non solo di uno”.

ASSENZA DI PROGETTO- La causa del delicato momento bianconero è, secondo Brambati, riconducibile alle scelte societarie degli ultimi due anni quando “sono state fatte delle scelte sbagliate a livello tecnico, non si è continuato a costruire”. E l’alibi del covid non è sufficiente a spiegare quanto deciso dalla società torinese nelle ultime sessioni di mercato. “E’ vero che è stato un mercato anomalo, che sia un’annata anomala, ma si stanno facendo le cose senza un progetto“, conclude stranito.

About Redazione

Leggi anche

FOCUS, Pirlo ha bisogno del suo Pirlo

Le critiche sulla mancanza di qualità nella mediana bianconera ha aperto delle considerazioni anche in …