CANNAVARO: “Il Belgio è un bivio delle ambizioni italiane. Serve una grande risposta di squadra”

Le parole dell’ex capitano della Nazionale

IL PENSIERO Fabio Cannavaro, intervistato dalla Gazzetta, ha espresso le sue sensazioni sulla Nazionale e sulla prossima gara con il Belgio. Le sue parole:

“Serve una grande risposta di squadra. Chiellini e Bonucci hanno mostrato già in campionato che Lukaku si può fermare, ma anche Acerbi sa fare il suo. Però devono funzionare le marcature preventive e più avanti il filtro di Jorginho e degli altri centrocampisti, se no tutto rischia di complicarsi. Questo non è il Belgio che abbiamo affrontato nel 2016, ma un gruppo al pieno della maturazione, tra le favorite per la vittoria finale. La nostra storia insegna che, a parte Roberto Baggio nel ‘94, l’Italia non ha mai puntato su un fuoriclasse, ma su un gruppo forte, capace di esaltarsi nelle difficoltà. Per me l’uomo in più è Mancini per come fa giocare la squadra e gestisce gli uomini. Abbiamo un’ottima mediana, con qualità e fisicità. C’è anche Bonucci regista arretrato. In attacco siamo imprevedibili perché in tanti seguono l’azione e dietro c’è solidità, con un portiere di grande livello. Il Belgio è un po’ un bivio delle nostre ambizioni. Per crescere bisogna battere avversari forti. I ragazzi devono rimanere con la testa leggera, così potranno giocare come hanno imparato a fare insieme. Dovranno sentire l’orgoglio di dire ‘Noi siamo l’Italia’. E allora saranno gli altri ad andare in difficoltà nell’affrontarci. E poi presto ci sarà il Mondiale…”

About Redazione

Leggi anche

MAURO: ” Con Ronaldo la Juve non è mai arrivata in fondo in Champions. Deve diventare leader”

Le parole del noto giornalista su Radio24 PUNTO DI VISTA – Anche Massimo Mauro ha …