CEFERIN: “Difficile capire cosa vogliano Juve, Real e Barca. Prima vogliono la Superleague, poi chiedono di giocare la Champions”

Il numero uno dell’Uefa ha parlato a SkySport in occasione della finale di Champions.

IL COMMENTO – Ai microfoni di SkySport, Aleksander Ceferin ha rilasciato interessanti dichiarazioni in occasione di Manchester City- Chelsea, finalissima di Champions League. Di seguito le sue parole anche sulla questione Superlega.

Sulla finale di Champions

“Per noi è un momento emozionante come lo è stato la finale di Europa League. Quest’anno abbiamo visto quanto sia triste il calcio senza tifosi. Non è lo stesso, il calcio riguarda i giocatori e i tifosi. Noi siamo solo di supporto, non so come sarebbe il calcio sempre senza tifosi”

Sulla Superlega

“Sono stati difficili i primi due giorni, dopo l’annuncio. C’era molta confusione ma tutta la comunità europea, non solo calcistica, si è schierata contro. Una signora anziana mi ha ringraziato per aver fermato questa pazzia. Un bambino poi ha chiesto al papà se erano contro o pro Superleague, il papà gli ha detto che erano contro e il bambino lo ha ringraziato, perché tutta la scuola era contro”

Sull’esclusione dei tre club

“Il nostro comitato disciplinare è indipendente. Non arrivano informazioni né posso commentare. Quello che mi lascia basito che sono ancora nella Superliga e poi mi inviano una lettera dicendo che vogliono giocare in Champions League. Difficile da capire cosa vogliano fare. Non c’è dialogo perché loro si limitano a mandare lettere alla UEFA e ai 9 club usciti dalla Superlega”

About Redazione

Leggi anche

SUPERLEGA, Juve, Barcellona e Real al lavoro per cancellare le sanzioni Uefa

Le mosse delle tre società LA SITUAZIONE – La Juve, insieme al Barcellona e al …