COR SPORT, Ci crede anche la Juve

La Juventus detta legge e mette k.o. la Lazio di Simone Inzaghi

TORINO – La Juventus sull’onda dell’entusiasmo resta in scia dell’Inter e si prepara ad affrontare il Porto. Pirlo organizza un turnover forzato da cui sono emersi spunti interessanti: Danilo davanti alla difesa convince nel ruolo di “Desailly”. Nella notte di JuveLazio, Pirlo si concede il lusso di lasciare Ronaldo in panchina, intimidito anche dai fastidi fisici provati dal portoghese. Ma, se il Maestro sorprende tutti con le proprie scelta tecniche, quelle di Inzaghi ribadiscono il momento “no” della Lazio. Dominati i primi 25′, il trio MarusicHoedtAcerbi faticano le incursioni di Morata e Chiesa. Mancava lo sprint di Lazzari e Fares, ritornato in campo titolare, spende tutte le energie negli strappi iniziali del match. Dopo il vantaggio, la Lazio si era abbassata e faticava a salire e, da qui a poco, è arrivato il gol del pareggio: Rabiot, mollato da Leiva, tira una sassata che non lascia speranze a Reina. Nella ripresa la partita si è aperta ed è apparsa più evidente la differenza di passo tra le due squadre. La Juve era rabbiosa e l’anticipo di Chiesa su Escalante ne è la dimostrazione: contropiede fatale e 2-1 di Alvaro Morata. Tre minuti dopo, arriva il gol su rigore ancora dello spagnolo. Sul 3-1 Pirlo ha cominciato a pensare a martedì e ha inserito Arthur al posto di Danilo. Spazio anche a Ronaldo al 70′, ma la partita era ormai chiusa.

About Redazione

Leggi anche

PIRLO: “La maggiore forza dell’Atalanta è il collettivo. Ronaldo non ci sarà per un problema al flessore”

Le parole del mister nella conferenza della vigilia di Atalanta-Juve LA CONFERENZA – Mister Pirlo …