D – DAY

D – DAY – Sbarca la Juventus. Non in Normandia come i soldati della leggendaria operazione, ma in Lombardia, sponda Milano nerazzurra. D – Day come il giorno del Derby d’Italia. E come storia (bellica e calcistica) insegna, inizia l’assalto. In questo caso al campionato di Serie A.

DOVE SI PARTE – Secondo posto in classifica, 37 punti (- 3 dal Milan capolista) per i nerazzurri. Quarto posto, 33 punti, ma una gara in meno giocata per i bianconeri. Eppure ultimi risultati alla mano sono gli uomini di Pirlo ad arrivare meglio alla grande notte di San Siro. Le vittorie contro Milan e Sassuolo hanno rilanciato le ambizioni della Vecchia Signora, mentre la sconfitta contro la Sampdoria e il pareggio di Roma hanno mostrato una Inter tutt’altro che impenetrabile. Non solo. Le vicissitudini societarie dei milanesi degli ultimi giorni potrebbero trasformarsi in un vantaggio psicologico che la Juventus è pronta a cogliere. Dal canto loro però i nerazzurri si consolano vedendo gli assenti della sfida di domani: D- Day non sta per De Ligt e Dybala, entrambi indisponibili. Per la Juventus di contro non ci sarà tempo per piangere, toccherà all’allievo – Maestro Pirlo superare il mentore Conte. D’altronde, lo potrà provare a fare contando su Ronaldo, Morata e anche Chiesa.. un trio che spesso ha fatto male all’Inter. Attenzione però a cullarsi sull’incostanza degli uomini di Conte e sulla forza dei fuoriclasse della Juventus.

Anche i bianconeri infatti hanno faticato sin qui a trovare continuità. Ecco allora che paradossalmente, visto il ruolo di favorite e le alte posizioni in classifica, Inter – Juve è anche la sfida tra due squadre che hanno sin qui raccolto molto meno di quanto blasone e potenziale avrebbe voluto. E se parlare di riscatto, o di snodo cruciale per il campionato è forse esagerato e prematuro, è innegabile che per entrambe sia indispensabile domani una dimostrazione di forza e sopratutto non siano contemplati passi indietro per evitare contraccolpi e non vedere allontanarsi il treno scudetto. Il Milan davanti non si ferma ed è pronto ad approfittarne.

DOVE SI ARRIVA – Vedendo la classifica la Juventus è sicuramente quella che ha più da perdere stasera, ma anche più da guadagnare. I tre punti vorrebbero dire ribaltare completamente lo scenario della Serie A e riproporsi ancora, se i 9 scudetti di fila non fossero abbastanza, come squadra da battere. E attenzione. Dal punto di vista della mentalità l’Inter si dimostra ancora squadra fragile e meno abituata alle grandi occasioni di quella bianconera. E si sa, i derby non si giocano. Si vincono con il carattere.

METTETEVI COMODI – Duelli, Rivalità, Polemiche, emozioni, ribaltoni: è Inter – Juve, il derby d’Italia. Quello dal pronostco più aperto degli ultimi anni, per giunta. Mettetevi comodi, Mondo Bianconero vi terrà compagnia in questa giornata. Inizia l’assalto

About Beatrice Canzedda

Leggi anche

PIERI sul rigore in Inter-Juve: “Mariani ha fatto dei gesti inutili che andrebbero eliminati”

Le parole dell’ex arbitro sul controverso rigore concesso da Mariani alla Juventus nel match di …