FOCUS, It’s coming…Rome?

L’Italia questa sera scenderà in campo per la finale di Euro2020. Ad affrontarla, ci sarà l’Inghilterra pronta a riprendersi, dopo lunghi anni, il suo secondo titolo nazionale e incoronarsi come “ideatrice del gioco del pallone”

FINALE TESISSIMA – Dopo lunghi mesi di preparazione, e una mancata qualificazione ai Mondiali 2018, l’Italia è riuscita nell’impresa maggiore di questi ultimi 10 anni: raggiungere la finale dell’Europeo, titolo vinto solo una volta nel 1968. L’energia, la carica e la fiducia imposta da mister Roberto Mancini è stata di vitale importanza per l’intera rosa. Dai messaggi di incoraggiamento tra di loro, un obiettivo in comune, ossia di vincere, e anche tanta solidarietà, come il caso di Leonardo Spinazzola, fanno intendere che questa Nazionale non è solo composta da calciatori, ma da vere e proprie persone che si reputano una famiglia. E proprio da famiglia che questa sera, alle ore 21:00, si disputerà a Wembley una finale mozza fiato. Da una parte l’Inghilterra, pronta a conquistare il suo secondo titolo, posseditrice di un palmares costituito da un’unica vittoria nel 1965-1966 ai Mondiali Jules Rimet. Dall’altra parte, gli Azzurri che hanno voglia di rivalsa, sia per la finale conquistata anche nel 2012 e persa malamente contro la Spagna, sia per arrivare, qualora si qualificassero, come campioni in carica degli Europei ai prossimi Mondiali in Qatar.

DOVE POTER FARE PIU’ MALE – Come in ogni squadra, ci sono punti più forti e punti più deboli. Durante questo cammino europeo, l’Inghilterra ha dimostrato più defezioni. Partendo dalla stessa difesa, il portiere Jordan Pickford, molto spesso appare incerto e goffo. Soprattutto se pressato dagli attaccanti avversari, l’estremo difensore dell’Everton potrebbe rivelarsi protagonista di qualche svarione a favore della formazione azzurra, data la sua scarsa qualità con i piedi. Nonostante una difesa solida e invalicabile sul gioco aereo, la coppia StonesMaguire risulta essere si rocciosa, ma molto lenta. Per questo motivo, le accelerazioni delle due ali (Insigne e Chiesa, se dovessero essere riconfermati), potrebbero essere delle vere e proprio spine nel fianco. Inoltre, l’ottimo prestigio di palleggio di Barella, Jorginho e Verratti potrebbe mettere in difficoltà il centrocampo inglese che girerebbe a vuoto, alla ricerca disperata della riconquista. Certezze e risposte ce le darà solo il campo. Come lo stesso Mancini scrive: “Una squadra che ha avuto il coraggio di divertirsi. Ora manca l’ultimo passo, facciamolo ancora una volta tutti insieme. Forza Azzurri!“. Noi da casa, o per i più fortunati direttamente dallo stadio, sosterremo, comunque vada, la squadra che ci ha reso più orgogliosi di essere italiani, forse un po’ più di prima.

About Diletta Filoni

Leggi anche

DYBALA, Probabile esclusione contro la Roma

Il fuoriclasse argentino ha a disposizione soltanto la rifinitura per convincere Allegri a lasciargli una …