FOCUS, Mai una ‘Joya’

In un periodo di critiche e di accuse, anche la sfortuna ha giocato brutti scherzi alla Juventus. E anche a Dybala.

CATTIVA SORTE – Premessa: la stagione della Juventus non sta vivendo questo difficile momento a causa della sfortuna. Sia ben chiaro. Le ragioni di un -10 in campionato dall’Inter capolista e dall’eliminazione agli ottavi di finale di Champions League per mani del Porto vanno ricercate in un nuovo progetto ancora in piena lavorazione, con un allenatore alla prima esperienza da professionista, con un organico decisamente più giovane e quindi inesperto rispetto a quello di qualche anno fa e probabilmente non ancora all’altezza per competere ai livelli da Juve. Tuttavia, bisogna anche dire che a questo organico è mancata quella sana buona sorte che nei momenti cruciali di una stagione possono essere determinanti. Andrea Pirlo non ha mai avuto la squadra a piena disposizione, vuoi per il Covid-19, vuoi gli infortuni muscolari che hanno condizionato più o meno tutto l’organico bianconero. La partita col Benevento è stata persa grazie all’unico tiro nello specchio della porta effettuato dai giallorossi, a fronte dei 7 calciati dalla Juve. Discorso simile nella partita persa a Napoli, con la Juventus che ha calciato 6 volte in porta trovando spesso e volentieri un super Meret, mentre il Napoli una sola volta se si esclude il rigore della vittoria di Insigne.

EMBLEMA – Chi meglio di Paulo Dybala può rappresentare la stagione della Juve? Già nell’inizio del 2020, allo scoppio della pandemia da Covid-19, la ‘Joya’ è risultato positivo al virus che lo ha debilitato parecchio a livello fisico. Il 27 luglio ha subito il primo stop della nuova stagione: un problema alla coscia che lo ha tenuto fuori ben 57 giorni, facendogli perdere la preparazione pre-campionato, fattore decisivo per un calciatore. Lo stop odierno dovuto all’infortunio al collaterale mediale lo tiene ai box da ormai 73 giorni. Insomma, se dovessimo contare anche il periodo da positivo al Covid (46 giorni) ci accorgiamo che che in un anno solare 176 giorni su 365 è stato out. Alla Juventus è mancato terribilmente, viste le doti tecniche superiori alla media non solo dei suoi compagni, ma anche dei colleghi di tutto il campionato. L’augurio è che la primavera imminente possa rappresentare la rinascita di un fiore. All’occhiello. Come Dybala.

About Davide Greco

Leggi anche

RINNOVI, Non solo Dybala: altri quattro bianconeri in trattativa

Una volta conclusa la trattativa per l’argentino, i dirigenti bianconeri si concentreranno sugli altri componenti …