FOCUS, Una Mole di lavoro da fare

Il pareggio contro il Torino ha evidenziato ulteriormente i difetti dei bianconeri

IL GIORNO DOPO – I derby, si sa, sono sempre partite a sè stanti. Le squadre, caricate in settimana dalle aspettative e dalle speranze dei tifosi della propria città, arrivano al calcio d’inizio con una determinazione diversa rispetto alle altre sfide, pronti a conquistarsi il titolo di campioni della stracittadina. La sfida tra Juventus e Torino è stata per molti aspetti simile a quella dell’andata, decisa da una rete quasi allo scadere siglata da Manuel Locatelli. Sono stati i granata a fare la partita, con la Juventus che ha pazientemente aspettato nella propria metà campo, pronta a colpire in velocità con l’ormai assodato tridente pesante. Con ogni probabilità l’aveva preparata così Massimiliano Allegri, che però si è dovuto arrendere al pressing della squadra di Juric e alla poca vena offensiva dei suoi ragazzi, che hanno chiuso i 90′ con appena 3 tiri in porta.

ILLUSIONE – Il gol del vantaggio bianconero, arrivato al 13′ grazie allo stacco imperioso di Matthijs De Ligt, aveva probabilmente illuso gran parte dei tifosi, pronti a gustarsi una serata tranquilla e a portarsi a casa i tre punti. La realtà dei fatti è però venuta ben presto a galla: dopo l’1-0, la Juventus è stata praticamente assente dalla metà campo in su. Analizzando la prestazione degli individui del tridente, è subito spiegata la serataccia: Paulo Dybala poco presente nelle trame offensive e costretto a chiedere il cambio a scopo precauzionale, Alvaro Morata sempre stoico in fase di copertura ma poco servito dai compagni. E poi, il capitolo Dusan Vlahovic: dopo aver incontrato, e sofferto, la grinta di Demiral nella sfida contro l’Atalanta, il serbo si è trovato davanti Bremer, uno dei migliori difensore del campionato per rendimento, che lo ha annullato fino al momento della sostituzione, avvenuta al 74′. Il centrale brasiliano è l’incubo dell’ex Viola: il 10 gennaio, in una delle ultime apparizioni con la maglia della Fiorentina, Vlahovic aveva dovuto fare i conti con il numero 3 granata e ne era uscito sconfitto, sia individualmente che nel risultato ( finì 4-0 per i ragazzi di Juric). Nel post partita è arrivata anche la tirata d’orecchie da parte di Allegri, ma niente drammi: il numero 7 è arrivato da poco, deve prendere confidenza con i compagni, con l’ambiente e con i ritmi. Tempo al tempo.

IN VISTA – Martedì è già tempo di Champions League. Il Villarreal è un avversario ostico, e la Juventus vista ieri è stata troppo brutta per essere vera: una prestazione così metterebbe subito in salita la qualificazione, considerando che la squadra allenata di Unai Emery ha, tra le mura amiche, un trend più che positivo ( non perde dal 27 novembre, 1-3 contro il Barcellona). Sarà fondamentale capire chi recupererà in difesa: ieri Alex Sandro è stato costretto ad agire da difensore centrale e sul gol di Belotti una parte di responsabilità è sua. Bonucci tenterà il recupero in extremis, mentre è certa l’assenza di Chiellini. Per contrastare il sottomarino giallo ci vuole una barriera poderosa, ma anche una contraerea decisa: ecco perchè sarà fondamentale resettare la mente e lavorare nel miglior modo possibile in questi pochi giorni che separano la Juventus da quella musichetta.

About Samuele Ravara

Leggi anche

FOCUS, Il film della stagione bianconera

E’ tempo di bilanci in casa Juventus, al termine di una stagione in cui, nonostante …