GAZZETTA DELLO SPORT, Gol contro la crisi

Senza Cristiano Ronaldo la Juventus segna poco, sono 16 le reti in 12 giornate. Ma c’è un precedente che fa ben sperare.

GOL – Alla Juventus c’è un problema di prolificità. Sono 16 le reti messe a segno dai bianconeri in queste prime 12 giornate, meno di quante ne hanno realizzate squadre con obiettivi molto diversi da quelli dei ragazzi di Allegri, come Genoa, Sassuolo, Empoli e Bologna. Per non parlare delle prime della classe: il Napoli ha segnato 9 reti in più, il Milan 11 e l’Inter 13. La filosofia allegriana si è sempre concentrata sul prendere un gol in meno dell’avversario, ma anche su questo la situazione non è tranquilla, con 15 reti subite a fronte, ad esempio, delle 4 dei partenopei. C’è, comunque, un precedente che fa ben sperare: stagione 2015/16, alla dodicesima giornata i gol realizzati dalla Juventus erano esattamente quelli di quest’anno, ed era in procinto di partire la rimonta che avrebbe portato lo Scudetto a Torino. Anche allora, la coppia d’attacco era formata da Dybala e Morata. Proprio lo spagnolo, che sta vivendo un momento di flessione, è chiamato a risollevarsi per guidare l’attacco bianconero, ma non solo lui: Allegri ha sempre sostenuto che per compensare la partenza di CR7 tutti avrebbero dovuto segnare di più. Certo, il modo di giocare fin qui non aiuta: i bianconeri faticano anche a creare occasioni da gol. Fin qui, i tiri in porta sono stati 50: per rendere l’idea, con Sarri erano stati 80 e con Pirlo 67. Giusto non prenderle ma, per vincere, bisogna segnare anche un gol in più dell’avversario.

About Redazione

Leggi anche

MERCATO JUVE, Sondaggio per Roberto Mancini

La società bianconera starebbe pensando al tecnico della Nazionale come sostituto di Allegri dalla prossima …