INT-JUV, I supplementari in Coppa rovinano il turnover

Entrambe le squadre avevano programmato un ampio turnover per le rispettive partite di Coppa giocate nella giornata di ieri, ma hanno dovuto fare i conti con avversari che non si sono arresi e che hanno provato fino all’ultimo a passare il turno. Sia Fiorentina che Genoa sono riuscite a chiudere i tempi regolamentari sul pareggio, e per questo, Inter e Juventus, le due contendenti per lo scudetto, sono state costrette a impiegare forze maggiori di quel che ci si aspettava. Sia Ronaldo che Lukaku avrebbero dovuto semplicemente tifare per i loro compagni dalla panchina e invece sono entrati per sbrogliare delle situazioni che stavano diventando complicate: Ronaldo è entrato al minuto 88, anche se poi il goal qualificazione è stato siglato dal baby Rafia all’esordio con la prima squadra, mentre Lukaku, entrato al 70′, evita i calci di rigore nell’ultimo minuto dei supplementari con un gran colpo di testa. Entrambi gli attaccanti hanno giocato più di mezz’ora e non sono i soli a non aver riposato: a Torino sono entrati Danilo e Bonucci e hanno giocato per 60 minuti scarsi, un tempo concesso a Bentancur mentre il suo sostituto Rabiot ha giocato per circa 75 minuti. Partita intera per Morata, Kulusevski e Arthur. Per quanto riguarda l’Inter, non ha riposato De Vrij, subentrato a Skriniar che ha rischiato più volte il secondo giallo, non ha riposato Hakimi, che ha rilevato Young al 70′ e neanche Barella, Brozovic o Vidal, i primi due entrati negli ultimi minuti dei tempi regolamentari, mentre l’ultimo ha giocato fino al 95′. Dunque, nessuno dei due ha potuto sfruttare il turnover previsto e ciò distrugge, da ambo le parti, l’alibi della stanchezza in caso di sconfitta nella partita di domenica sera.

About Redazione

Leggi anche

MERCATO, L’arrivo di Vlahovic rimetterebbe in dubbio Dybala

L’acquisto del serbo potrebbe costringere la Juve a risparmiare sui rinnovi. RINNOVO – La Juventus …