KAIO JORGE: “Qui alla Juve tutti mi aiutano. Ronaldo? Spero rimanga”

L’intervista di presentazione

KAIO DAY – Oggi è il giorno di Kaio Jorge. Presentato in conferenza stampa dalla Juventus, l’attaccante brasiliano ha risposto alle varie domande dei giornalisti. Ecco le sue parole:

Su cosa si aspetta da questa esperienza:

Sono venuto qui per fare un’ottima stagione, qui giocherò con dei giganti. Sono qui per imparare, lottare e fare più gol possibili. La Juve è stato un sogno, ho lavorato tantissimo e sono contentissimo di essere qui. L’adattamento sarà importante, Cristiano mi dà consigli. Qui voglio dare il mio meglio in campo e fuori.

Sulla riconoscenza al Santos:

Il club che mi ha fatto crescere, nello sport è una cosa importante e non potevo dimenticarmi di loro. C’é stato buon senso nel far guadagnare il club con la mia cessione e di non andare via a zero.

Sul suo modo di giocare:

Sono un giocatore mobile, mi connetto con i miei compagni e sono qui per dare del mio meglio.”

Un giocatore che lo ha ispirato:

Ronaldo è stato da sempre un’ispirazione, sarò con lui giorno dopo giorno e spero di imparare sempre di più al suo fianco. Fino a 2-3 ore fa ho visto dei video di Cristiano Ronaldo: è un sogno giocarci insieme, non mi sembra vero e non trovo le parole.

Su come ha visto Ronaldo:

Una persona fantastica, si impara tanto da lui ed è il primissimo che mi saluta e che si allena. Una persona incredibile ed io sono accanto a lui. Non mi ha detto nulla del suo futuro, spero rimanga, ma sono concentrato su me stesso. Tutti i giocatori qui sono dei partner, mi parlano tutti e tutti cercano di aiutarmi.”

Sugli obiettivi personali:

Innanzitutto mi voglio ambientare. Ho visto una cosa diversa rispetto al Brasile: c’é tanto lavoro sulla tecnica.

Sui riferimenti personali in dirigenza:

Mi ha impressionato il tutt’uno della società, come se tutti i membri della dirigenza agiscano in simbiosi. Sono stato accolto benissimo e spero di dare il mio contributo.

Su Massimiliano Allegri:

Negli allenamenti è molto concentrato, sono contento di averlo come mio mister perché mi aiuterà a crescere.

Sulla scelta del numero:

Il numero 21 l’ho scelto perché nella Juve lo hanno preso dei grandissimi giocatori: Pirlo, Dybala, Zidane, Higuain.

Sull’infortunio subito:

Purtroppo ho una lesione, mi stavo allenando e sono stato in quarantena per gli accertamenti. Non è una cosa grave, tornerò presto e sarò al mio meglio.

Sulla Champions League:

“L’ho sempre sognata, due-tre mesi fa ho realizzato il fatto che ci sarebbe stata la possibilità di giocarci e sono contentissimo di giocarla con questo club in particolare.

About Redazione

Leggi anche

TARDELLI: “Vittoria importante a La Spezia, ma i problemi non sono scomparsi. Ronaldo nascondeva i problemi”

Le parole dell’ex centrocampista campione del mondo 1982 CRITICHE – La vittoria ottenuta a La …