LIVE MBN, Allegri: “Domani Dybala gioca. Zakaria e Alex Sandro sono recuperati. Noi lottiamo per il quarto posto”

Le parole del mister in conferenza stampa

LE PAROLE – Intervenuto in conferenza stampa, Massimiliano Allegri parla alla vigilia di JuventusInter, derby d’Italia in programma alle ore 20:45. Di seguito, le sue parole:

In che condizione arriva la Juve?

“Come arriva lo vedremo domani. Per quanto riguarda i giocatori, Chiellini è già rientrato, Bonucci è ancora dietro, ma partirà dalla panchina. Zakaria e Alex Sandro sono totalmente recuperati”

Come ha visto Dybala?

“Domani Dybala gioca, togliamo la testa al toro”

Ha avuto confronti con la società su Dybala?

“Con la società siamo in linea su tutto. Quando parliamo io espongo le mie idee, la società le sue. Alla fine troviamo un’unità di intenti per programmare e andare avanti”

Alex Sandro e Zakaria partiranno titolari?

“Alex Sandro sì, Zakaria devo decidere”

Chi è la favorita?

“E’ difficile dire chi è la favorita. L’Inter, insieme a Napoli e Milan, è canditata per lo scudetto. A noi serve continuare il percorso per cercare di consolidare il quarto posto e battere la squadra che è campionessa d’Italia”

Chi è la squadra che si può bruciare di più? Conta su Zakaria?

“Io conto non solo su di lui, ma su tutti gli altri recuperati. Serviranno cambi durante la partita, più gente fresca fisicamenta e mentalmente, meglio è. Siamo quarti, ma ci sono ancora tanti punti da poter prendere. Dobbiamo essere concentrati sulla partita di domani sera”

Inzaghi ti ha battuto su due partite secche, c’è un motivo secondo lei?

“Credo sia casualità. Lui è più fortunato nelle partite secche, domani spero di esserelo io. Domani sarà una bellissima gara, ci saranno gli spalti pieni. Tra l’altro, Inter-Juventus è stata l’ultima partita pre-covid. E domani sarà la prima che si disputerà a porte aperte al 100%”

Domani Danilo potrà giocare a centrocampo?

“Domani non so ancora la formazione che sarà giocare. Difficilmente Danilo giocherà a centrocampo, abbiamo recuperato diversi giocatori in quella zona di campo”

Siete consapevoli che, se dovesse vincere, cancellereste i sogni scudetto dell’Inter?

“Noi non giochiamo per far perdere scudetti all’Inter. Il nostro obiettivo è quello di arrivare in Champions l’anno prossimo”

Perchè non è più centrale nel progetto Dybala?

“Una volta che sono state fatte delle scelte, rimangono quelle. Non credo che sia il primo caso di calciatore che lascerà il club, anche perchè non è l’unico in scadenza. Mancano ancora 47-50 al 22 maggio, abbiamo ancora 8 partite per far sì che l’anno prossimo la Juve si qualifichi in Champions, in più una finale di Coppa Italia da conquistare”

Si stupirà vedere Dybala all’Inter?

“Non faccio mercato alla Juve, non lo faccio neanche all’Inter. Ognuno farà le sue valutazioni”

Chiesa può ricoprire quella posizione di campo ricoperta da Dybala?

“Federico lasciamolo recuperare, dato che è lontano dal campo. Io spero che lui possa recuperare il prima possibile, ci sta mancando, così come McKennie. Pensiamo a questi 50 giorni, al futuro si pensa dopo”

Un commento sulle parole di Elkann:

“Le parole mi hanno fatto piacere, ma io personalmente sono sempre stato sereno, perchè lui non ha fatto mai mancare la presenza. Si sa quanti sforzi fanno per mantenere la Juventus ai vertici, affinchè lei possa ritornare a vincere. Noi quest’anno siamo cresciuti molto, ma non abbastanza per vincere. L’anno prossimo dobbiamo trovarci nei blocchi di partenza. Per questo, i 50 giorni restanti servono a crescere come squadra e ambiente in generale”

Bernardeschi sarà titolare?

“Potrebbe essere titolare anche lui. Ha recuperato e sta bene”

Domani Tevez sarà allo stadio:

“Sono molto contento di rivederlo domani sera, dato che è stato importante per la Juve e per il calcio mondiale. Io ho allenato tanti campioni e quando li ritrovo, mi emoziono sempre, dato che mi hanno lasciato tanto”

About Redazione

Leggi anche

FOCUS, La sfida generazionale della Vecchia Signora: quanti giovani per Allegri

AMMIREVOLE – La dirigenza bianconera vuole e deve rifondare la squadra e per farlo, oltre …