MUGHINI: “E’ stata una tragedia shakesperiana. Risultato drammatico e ingiusto”

Delusione cocente per la precoce uscita della Juventus nelle parole del tifoso bianconero

CHAMPIONS LEAGUE – Giampiero Mughini scrive una lettera a Dagospia per spiegare l’eliminazione della Juventus di ieri sera. Queste le sue parole

Risultato drammatico, forse anche ingiusto, un aggettivo però che nel calcio vale poco. Anzi nulla. Meraviglioso il primo e il secondo gol di Chiesa, un giocatore che ogni giorno di più diventa decisivo. Di certo più decisivo di Ronaldo, che è stato il peggiore in campo. Dopo il secondo gol la Juve ha martellato il Porto in tutti i modi e in tutte le direzioni… nell’uno e nell’altro dei tempi supplementari la Juve non era più la irresistibile macchina da guerra dei secondi 45 minuti.  I portoghesi in dieci facevano poco e non avrebbe potuto essere altrimenti. Solo che quel poco era bastante a parare la porta del loro bravissimo portiere. Finché in una delle loro pochissime azioni a offendere si sono procurati una punizione da poco oltre il limitare dell’area bianconera. Una punizione che il loro giocatore ha tirato rasoterra e mentre i tre bianconeri in barriera non so perché si alzavano verso l’alto come se la volessero colpire di testa. La palla forte e diretta è passata senza essere disturbata sotto i loro piedi. Il nostro portierone l’ha vista inevitabilmente in ritardo, l’ha smanacciata appena, palla in rete. 2-2 . Ma non è finita. Pochi minuti ancora e Rabiot batte di testa in rete. 3-2 per la Juve, laddove occorrerebbe un 4-2.  La partita è finita. E ho detto partita, e avrei dovuto dire la tragedia shakesperiana. Perché di questo si è trattato in tutto e per tutto. Purtroppo per la Juventus”

About Redazione

Leggi anche

PALMERI: “Aspettiamo a dire che la Juve è tornata.”

Il giornalista di Sportitalia predica cautela riguardo ai bianconeri. OPINIONE – Intervistato da TMW Radio, …