PAGELLE MBN, De Ligt non solo goleador, Vlahovic più fortunato che bravo

SZCZESNY 6: Inoperoso per tutto il match, grazie alla solidità difensiva di squadra e alla poca intraprendenza della squadra di Mazzarri. Il tiro di Joao Pedro è impossibile da respingere. INCOLPEVOLE.

DANILO 6: Il match si fa subito in salita per la Juventus per il gol in apertura di Joao Pedro, dunque la squadra è stata costretta più a spingere che a contenere. Lui lo fa discretamente, rischiando pochissimo in fase difensiva anche grazie alla poca attitudine offensiva odierna di Lykogiannis. NORMALIZZATORE.

DE LIGT 7: Solita prestazione fatta di solidità, attenzione difensiva e precisione. Veste i panni del ‘salvatore della patria’ allo scadere del primo tempo con la zuccata di testa che vale l’1-1. Uomo fondamentale per questa squadra e questa sera lo ha confermato, come se ce ne fosse bisogno. INSOSTITUIBILE.

CHIELLINI 6,5: Serve il suo mestiere e la sua esperienza in partite sporche come queste e Giorgio non si tira affatto fuori dalla lotta. In coppia con De Ligt resta una garanzia, anche a 38 anni, infatti la rete subita da Joao Pedro dalla distanza risulta l’unico tiro del Cagliari nel corso dell’intera partita. E di certo, il capitano è esente da colpe. HARDCORE.

LU.PELLEGRINI 6,5: Ottima partita quella dell’esterno basso di sinistra. Decisamente più propositivo del suo omologo a destra, ciononostante riesce ad essere solido anche in fase difensiva, restando lucido anche quando le energie iniziano a mancare. Da segnalare il suo tiro sporcato da Rabiot che può valere il momentaneo 1-1, se non fosse che il francese colpisce la palla col gomito. PENDOLINO.

CUADRADO 6,5: Un fattore determinante sull’esterno di destra, anche grazie alla sua abilità nel dribblare l’uomo e mettere ottimi cross al centro. Suo l’assist per l’1-1 di De Ligt, poi tanta corsa e tanto sacrificio al servizio della squadra. Una scheggia imprendibile per Lykogiannis e soci. SPEEDY GONZALEZ. Dall’85esimo BONUCCI S.V.

ARTHUR 6: Sul centrocampista brasiliano il copione sembrerebbe sempre uguale: molto bravo a gestire il possesso con il pallone tra i piedi, ma non riesce a consegnare le geometrie necessarie alla squadra. Nessun passaggio chiave per innescare le due punte, poca intraprendenza in fase di palleggio, ma raramente perde un possesso. DOUBLE FACE.

ZAKARIA 5,5: Confusionario e impacciato con il pallone tra i piedi, meglio in fase di non possesso nello schermare le azioni offensive sarde. Meno preciso di Arthur e poca intraprendenza, in completa contrapposizione con la partita di domenica scorsa, ma per fortuna l’esito è diverso. IMPRECISO.

RABIOT 5,5: Prestazione impalpabile per ‘l’uomo del momento’ in casa Juventus. La determinazione e la ferocia fatte vedere nel match contro l’Inter sono rimaste in quel di Torino. Nega (involontariamente) con un tocco di gomito il gol del pareggio di Pellegrini e a parte qualche sortita sull’esterno, nulla da segnalare. Entra poco nel vivo del gioco, non recupera tantissimi palloni e probabilmente la posizione da esterno sinistro di centrocampo non lo aiuta. PENALIZZATO. Dal 68esimo BERNARDESCHI 6: Costretto ad una partita di sacrificio dopo il vantaggio di Vlahovic, resta concentrato quando c’é da difendere, ma manca nei guizzi in ripartenza. SACRIFICATO.

DYBALA 6,5: Il gol del vantaggio del Cagliari parte da un suo pallone perso in modo ingenuo, cercando un dribbling di troppo con appoggi semplici a disposizione. Tanto girovagare per il campo, ma i palloni persi si moltiplicano nel corso della partita. Prova qualche conclusione dalla distanza e ha sul suo piede forte i palloni per portare avanti la Juve, ma nemmeno il suo mancino è riuscito ad entrare in partita. Per fortuna, questa descrizione si limita al solo primo tempo, infatti nella ripresa un altro Dybala: pallone incollato al piede, tanti passaggi precisi e assist decisivo per innescare Vlahovic nel 2-1 Juve. IN CRESCENDO. Dall’80esimo KEAN S.V.

VLAHOVIC 5,5: Avulso dal gioco bianconero, in costante difficoltà quando braccato dalla morsa di Lovato (tutta la partita), sempre spalle alla porta e mai veramente pericoloso. Le giocate sopraffine e di qualità dei tempi di Firenze sembrano un lontano ricordo e l’ingente investimento fatto dalla società a Gennaio prevedeva prestazioni di tutt’altro livello. Riesce a ‘salvare’ valutazione e risultato grazie al rimpallo che vale il 2-1 e che porta la sua firma sul 22esimo centro stagionale. SALVATO.

ALLEGRI 6,5: La squadra interpreta bene la partita nonostante il gol subito in avvio: la reazione allo svantaggio c’é e porta ben 14 conclusioni verso la porta nel solo primo tempo. Fortunato a trovare il pareggio da corner e il vantaggio su una carambola, ma può recriminare sull’involontario tocco di gomito di Rabiot sul tiro vincente di Pellegrini. PROPOSITIVO.

About Davide Greco

Leggi anche

MERCATO, Sfida al Barcellona per un difensore. Allegri vuole lui

Il tecnico bianconero avrebbe chiesto il giocatore per rinforzare il reparto DUELLO. Ormai rassegnati alla …