PLATINì, “Io e Diego avversari leali sul campo, mai nemici.”

Michel Platinì, grande ex della storia bianconera, a pochi giorni dalla sua scomparsa, torna a parlare di Maradona e racconta il suo Diego, attraverso una lettera scritta per il giornale TuttoSport.

L’ex campione comincia la lettera con una premessa importante, dice infatti che “non è facile parlare di Diego“, poichè anche se è il suo è un ricordo facile, quello che rimane complicato è parlare dell’uomo al di fuori del campo. “Preferisco soffermarmi sul campione assoluto, su quello che ho conosciuto, che ho affrontato – continua il francese – Maradona è stato un calciatore immenso, personalmente l’ho scoperto, anzi lo abbiamo scoperto il 25 giugno 1979.

Platinì racconta allora di quando nel 1979, la Fifa volle celebrare il Mondiale vinto dall’Argentina e lui venne convocato nella squadra rappresentativa del resto del mondo, allenata da Bearzot. Maradona all’epoca aveva solo 18 anni e non aveva preso parte al mondiale, ma si presentò insieme alla squadra campione allenata da Luis Cesar Menotti. La squadra del resto del mondo, oltre a Platinì, annoverava altri grandissimi nomi come Boniek, Kaltz, Cabrini, Tardelli, Paolo Rossi, Causio, Asensi, Krol, Leao, Zico e Toninho.

Maradona fece subito capire in quell’occasione il grande campione che poi sarebbe diventato: “Aveva un piede sinistro eccezionale, ma soprattutto una velocità di pensiero e una sveltezza di movimento come nessuno al mondo“, aggiunge Platinì.

La lettera poi continua con delle riflessioni personali del campione francese anche sulla vita privata del Pibe de Oro: “Non posso dire che siamo stati amici, ma nemmeno nemici: almeno da parte mia l’ho sempre rispettato, ho capito le sue origini, la sua voglia di riscattarsi, il suo amore, uguale al mio, per questo gioco fantastico. Maradona è stato un genio e come tutti i geni è impossibile descriverne tutte le doti, perch+ se ne aggiungono altre e altre si dimenticano. Posso anche dire, però, quello che è stato il suo peccato: non è stato mai veramente aiutato, sia in Argentina, sia a Napoli. Hanno preferito idolatrarlo invece di stargli vicino e così tenerlo distante da certi errori. Questo è stato il suo limite, l’avversario cattivo che nessuno ha mai voluto e saputo espellere e con il quale ha convissuto e non per colpe esclusive di Diego. Mi resta un ricordo dell’epoca bella che abbiamo vissuto, Diego ed io, da avversari sul campo, lleali, corretti ma, lo ripeto, mai da nemici.

About Redazione

Leggi anche

RASSEGNA STAMPA, I principali quotidiani di oggi

TUTTOSPORT – La prima pagina è dedicata alla Juventus e alle residue speranze scudetto, stasera …