POGBA E DI MARIA: SI CHIUDE. ZANIOLO QUASI. ORA TESTA ALLA DIFESA

Per la Juventus era il secondo giorno di ritiro, quello dedicato ad una nuova tranche di visite mediche. Ma, come era da aspettarsi, l’attenzione si è spostata tutta nei meandri del mercato. Se i test fisici che inaugurano la nuova stagione sono il fondamentale atto preparatorio, nessun arrivo alla Continassa può reggere il confronto con i nuovi arrivi della sessione estiva. Di ufficialità, a dire il vero, l’estate bianconera ne ha vissute ancora poche. Questa settimana può regalare i primi due grandi colpi di mercato? Se lo chiedono con baldanzosa certezza gli addetti ai lavori. E con speranza mai appagata i tifosi. Le più recenti notizie riferiscono di un Paul Pogba che vedrà finalmente esaudita la sua voglia di ritorno ai fasti del passato molto presto. La Juve vuole portarlo a Torino tra venerdì e sabato, con tanto di visite mediche di rito e firma. La medesima volontà di mettere l’accordo nero su bianco può far giungere sotto la Mole anche Angel Di Maria. Sono, infatti, state limate le ultime rughe burocratiche. Chi non si vedrà a Torino nell’immediato è Dusan Vlahovic al quale il club ha concesso qualche giorno di riposo ulteriore.

I nodi più intricati del mercato restano quelli legati all’eredità di Paulo Dybala e al futuro di Matthjs de Ligt. L’argentino si è arenato in uno strano limbo dal quale il procuratore Antun non riesce a scalzarlo. Tra le sibilline dichiarazioni di Marotta e l’ultimissimo timido sondaggio del Marsiglia, Dybala rischia un clamoroso due di picche. A Torino intanto la nebbia sul trequartista è stata spazzata via da quel Nicolò Zaniolo, capace di mettere d’accordo dirigenza e allenatore e convogliare su di sé le mire bianconere. Un contratto da top e una formula che accontenterebbe a rate le richieste della Roma, sembrano al momento le chiavi del connubio. Se di affare si potrà parlare, sarà la tenuta fisica del ragazzo a fornire le dovute verifiche. Chiosa finale sulla difesa, il reparto attualmente più corto. I bianconeri dovranno piazzare un doppio colpo se l’addio di De Ligt si sommerà al congedo di Giorgio Chiellini. Per il centrale olandese si è fatto avanti anche il Bayern Monaco praticando la strada della contropartita tecnica. Nella fattispecie i bavaresi hanno proposto il terzino destro Pavard. No secco della Juventus che valuta nuove offerte. Il rilancio del Chelsea è atteso a breve. Cherubini si frega le mani e pregusta l’esito di un’eventuale asta al rialzo. Con un occhio al suo sostituto. Per Bremer l’Inter si è mossa con largo anticipo ma la necessità di portare a termine una cessione potrebbe frenare i nerazzurri. Non è in discesa la strada che porta a Koulibaly. Il pressing bianconero prosegue ma l’ostacolo De Laurentiis dirotterebbe volentieri il gigante senegalese verso ben altri lidi. Con centrocampo e attacco ben rinforzati, la Juventus rischia di essere in deficit nel reparto arretrato. Una lacuna che a Torino sanno di dover colmare.

About Michele Paoletti

Storico dell'arte, appassionato di calcio, sognatore. Aspirante giornalista con l'amore per la scrittura. Una tavola dipinta o un rettangolo verde sono per me medesima fonte di ispirazione.

Leggi anche

DIONISI: “Chi toglierei alla Juve? Di Maria, ma anche Bremer”

Le parole del tecnico neroverde sul match contro la Juventus LE DICHIARAZIONI – Intervenuto alla …