POSTPARTITA, Paratici: “Brutta gara ma non è una stagione di transizione. Abbiamo una programmazione, non è una partita che sposta le nostre idee”

Le dichiarazioni del ds bianconero nel postpartita.

TORINO – Ai microfoni di SkySport Fabio Paratici ha commentato la gara dell’Allianz Stadium. Queste le sue dichiarazioni raccolte dalla redazione di Mondobianconero.com.

Sulla sconfitta

Non è stata una partita imprevista, la mia presenza qui è per sottolineare il fatto che in questi anni abbiamo dato gioie ai tifosi ma oggi diamo un’amarezza. Abbiamo giocato una brutta gara. Il campionato va avanti, dobbiamo mettere giù la testa, capire gli errori e migliorare”

in campo i bianconeri non hanno retto la pressione?

“Abbiamo giocatori di livello abituati alla pressione. E’ stata una brutta gara, per tanti motivi. Dobbiamo solo abbassare la testa e migliorare”

Sul fallo da rigore su Chiesa

“Non voglio commentarlo, non ci interessa commentare gli episodi. Le gare vanno analizzate escludendo gli episodi se no condizionano la valutazione. Non l’ho nemmeno rivisto, mi sembrava fallo ma non voglio dire nulla”

C’è stata presunzione?

” Si può star qui tre giorni cercando di capire il motivo per il quale abbiamo giocato questa partita. Ci sarebbero tanti aspetti da analizzare ma questo lo faremo in queste due settimane. Ci sarà tempo per pensare a tutte le cose, resta il fatto che la prova non è stata alla nostra altezza”

E’ un risultato che condiziona le scelte future?

“Abbiamo una programmazione, non è una partita che sposta le nostre idee. Andiamo avanti per la nostra strada, sia per i giocatori che per l’allenatore. La linea continua, siamo molti contenti di quello che stiamo facendo, che abbiamo fatto e continueremo su questa strada”

Sul futuro di Ronaldo

“Parole Zidane? La linea della Juve è questa. Abbiamo Ronaldo, il migliore al mondo e ce lo teniamo stretto”

Sulla scelta in panchina e la stagione di transizione

“Noi non eravamo insoddisfatti degli allenatori precedenti. Ci sono state motivazioni differenti per cui abbiamo cambiato, questo è quanto. Non è una vittoria o una sconfitta a determinare la linea di un club. Quando hai le idee chiare di dove vuoi arrivare devi seguire la linea. Si vedrà alla fine se sarà corretta. La parola transizione alla Juventus non esiste: gioca tutte le competizioni per vincere sempre, alcune stagioni vanno meglio, altre peggio, ma la transizione non esiste

Ciclo finito?

“Siamo qui da 11 anni, gli ultimi 9 abbiamo vinto e abbiamo sempre cambiato. La gente non se n’è accorta, perché vincendo forse è passato in secondo piano. Per vincere abbiamo fatto scelte difficili che hanno portato a costruire i successi futuri. Quello che stiamo facendo anche ora: se rinnovi ma non vinci può succedere, ma anche gli altri anni abbiamo cambiato. Ho sentito tante volte dire ‘E’ finito un ciclo’: quando è andato via Conte, quando abbiamo perso a Berlino, quando l’anno successivo eravamo distanti dalla vetta, quando abbiamo perso a Cardiff. Ogni volta sento parlare di questo ciclo, abbiamo già cambiato e vinto. Alcune volte si possono fare le due cose allo stesso momento, altre no”

(Rivivi il live della gara QUI)

About Redazione

Leggi anche

CHRISTIANSEN: “Il nostro primo pressing ha avuto successo, poi abbiamo avuto problemi nella trequarti bianconera”

La formazione di casa perde 3-0 con la Juventus nel primo match del girone H …