RAMSEY, Prove d’addio. Ma la risoluzione ha un costo

Pochi acuti, tanti infortuni e l’errore decisivo in finale di Europa League: l’esperienza del gallese in prestito si concluderà a breve.

TORINO – A volte ritornano. Aaron Ramsey aveva lasciato la Juventus per accasarsi in prestito ai Glasgow Rangers nella scorsa finestra di mercato invernale. I suoi sei mesi a Glasgow non hanno raccontato nulla di inedito in una parentesi opaca culminata nell’errore dal dischetto che è costato l’Europa League ai Rangers. Il club non intende riscattare Ramsey che farà, dunque, ritorno a Torino. La volontà dei bianconeri è però chiara: Aaron non rientra nel progetto Allegri e l’ipotesi più probabile è quella di una risoluzione del contratto. Un’operazione non semplice, come ricorda il Corriere dello Sport nell’edizione odierna. La Juventus non vuole spendere i 14 milioni lordi del suo ingaggio e cercherà un accordo per rescindere. Per accettare la risoluzione, il centrocampista gallese avrebbe chiesto una buonuscita sostanziosa. Per trovare un accordo ci sarà da trattare a lungo.

About Redazione

Leggi anche

RASSEGNA STAMPA, I titoli dei principali quotidiani sportivi

PRIME PAGINE TUTTOSPORT – Il quotidiano torinese si concentra sul trasferimento in bianconero del terzino …