RANIERI: “L’NBA non è il calcio. Juve, hai 11 milioni di tifosi. Non voltare loro le spalle”

Il tecnico blucerchiato si è espresso sulla posizione della Juventus di fondare una competizione separata.

IL COMMENTO – Intervistato da La Gazzetta dello Sport e il Secolo XIX, Claudio Ranieri ha risposto alle domande dei giornalisti sulla Superlega. L’allenatore della Sampdoria si è così espresso:

Sulla meritocrazia nel calcio

“Sarebbe stata una clamorosa ingiustizia e un insulto ai valori dello sport. Ma scherziamo? Arrivi primo nel campionato più ricco e competitivo del mondo e poi in Europa ti dicono “scusa, non puoi entrare, non hai il curriculum giusto”. Una follia. E un tradimento di uno dei principi fondamentali dello sport: la meritocrazia”

Sul paragone con l’NBA

“Altro errore. La NBA è bellissima, ma non è il calcio. E non mi pare un caso che dietro ai sei club della Premier ci siano proprietà straniere. Con padroni inglesi tutto questo non sarebbe successo. Ma vedo che già stanno cambiando idea”

Sui problemi economici

“La verità è che questi club hanno buchi di bilancio giganteschi e provano a mettere una toppa in questo modo. Ma non è la soluzione, anche perché se mai questo progetto dovesse decollare, ci sarà la corsa al rialzo: stipendi, commissioni, mercato. Il buco peggiorerà e raggiungerà dimensioni ancora più spaventose. La mia riflessione è questa: se hai gestito male cento lire, che cosa farai quando avrai in tasca un milione?”

Appello alle squadre italiane

“Mi rivolgo alla Juve, perché Milan e Inter hanno proprietari stranieri: hai costruito la tua storia in Italia, hai 11 milioni di tifosi e non puoi voltare le spalle a tutto questo”

About Redazione

Leggi anche

MAURO: “Allegri non ha colpe. La rosa non è quella della grande Juve”

Le parole dell’opinionista, nonché ex centrocampista dei bianconeri, alla vigilia di Juventus-Genoa. FAR LUCE – …