RONALDO, Dopo l’episodio della maglia, CR7 è destinato a lasciare Torino

Eliminazione dalla Champions League, sogno scudetto ormai tramontato e mercato ridimensionato. Adesso la Juventus fa i conti con la rabbia di Ronaldo che non sembra essere semplicemente “rabbia”

“RABBIA” – L’episodio della maglia gettata da Cristiano Ronaldo, al termine di JuventusGenoa, fa molto pensare al futuro dello stesso. Infatti, SportMediaset analizza e parla della situazione CR7, la cui permanenza a Torino diviene sempre più incerta. Di seguito, le parole rilasciate:

La Champions che se ne è andata malamente contro il Porto e che è adesso lì da riprendersi, ma in una corsa quanto mai ricca di pericolosi competitor. Lo scudetto che si scuce pian piano dalla maglia e che viaggia velocemente verso Milano. Una guida tecnica tutt’altro che certa, se non nell’oggi sicuramente nel domani, un mercato in entrata che è condizionato tanto dai risultati quanto dalla pandemia e che, conti alla mano, non promette grandi possibilità di investimento. Un contratto, il suo, in scadenza tra un anno, con zero avvisaglie, voglia e possibilità di rinnovo all’orizzonte e un ingaggio che al momento nessun altro club è disposto a corrispondergli. Insomma, chi gli sta vicino assicura che dietro il nervosismo palese di Cristiano Ronaldo ci sia tutto questo. E che il suo futuro alla Juve sia ora assolutamente incerto. Ronaldo vorrebbe giocarsi il suo ultimo anno in bianconero non al ribasso, senza sentirsi oltretutto “costretto” a restare per mancanza di alternative: perché al momento c’è anche questa situazione con cui fare i conti, perché sul mercato non ci sono club di primissima fascia (in grado cioè di lottare per la Champions) disposti a pagarne il cartellino e corrispondergli lo stipendio faraonico che percepisce e pretende. Non ora, non alla sua età, non in tempi di pandemia

About Redazione

Leggi anche

RONALDO, Il 24 maggio l’annuncio dell’addio in bianconero

Ronaldo vuole lasciare la Juventus. Il 24 maggio potrebbe addirittura arrivare l’annuncio dell’addio in maglia …