SACCHI: “Patentino UEFA Pro? E’ una situazione ridicola”

Le parole dell’ex tecnico sul percorso per ottenere il patentino UEFA Pro

LE DICHIARAZIONI – Intervistato direttamente ai microfoni della Gazzetta dello Sport, Arrigo Sacchi si scaglia contro le regole del corso per gli allenatori di Coverciano. Di seguito, le sue parole:

“Questa è una situazione ridicola, oltre che ingiusta. Non capisco: ma per essere un bravo fantino devo essere stato un cavallo? Qual è il criterio? Io avrò fatto onore al calcio italiano o no? Eppure non ho mai giocato oltre la Quarta Serie. In questo sistema sento lo sgradevole puzzo delle consorterie e del clientelismo, che sono cose tipicamente italiane. Per risolvere il problema c’è solo un modo: liberalizzare. Il figlio di Ancelotti non è stato ammesso a Coverciano, non ha mai giocato in A e nemmeno in B, ma è da diversi anni che fa il secondo di suo padre e mi pare che abbia contribuito non poco ai successi del Real Madrid. Per avere il patentino di Uefa Pro è dovuto andare in Scozia. Vi sembra normale? Ma dove crediamo di arrivare se continuiamo a mettere delle barriere? Ci sono gli esempi del sottoscritto, di Zaccheroni, di Zeman, di Mourinho, di Eriksson, di Klopp: non mi risulta che siano stati giocatori di alto livello, eppure sono grandi allenatori”

About Redazione

Leggi anche

DIONISI: “Chi toglierei alla Juve? Di Maria, ma anche Bremer”

Le parole del tecnico neroverde sul match contro la Juventus LE DICHIARAZIONI – Intervenuto alla …