TUTTOSPORT, Pirlo, mille e una Juve

Uno dei punti di forza di questa Juventus è il modulo camaleontico a seconda del momento della partita

SULLE ORME DI ALLEGRI – “Allegriano? Beh, spero di vincere quanto ha vinto lui”. Rispose così Andrea Pirlo alla domanda su una sua presunta “Allegrizzazione” nel post-partita di Juventus Inter di coppa Italia. La Juventus targata Allegri ha fatto grandi fortune grazie alle intuizioni del tecnico livornese e dai continui cambiamenti di assetti tattici a gara in corso. Pirlo, seppur a fatica e non senza soffrire, sta cercando di mettere in pratica il concetto portato avanti da Allegri, infatti parte dal 4-4-2 standard con i due esterni di centrocampo molto larghi, ma a gara in corso, in fase offensiva, lo spartito tattico cambia totalmente. Nella partita contro la Lazio, Danilo partiva da centrale nella difesa a 4, con Demiral accanto a lui e i due esterni bassi (Sandro a sinistra e Cuadrado a destra) a completare il quartetto difensivo. In fase di impostazione, Cuadrado saliva sulla linea di centrocampo, Alex Sandro restava dietro a formare un terzetto con Demiral e Danilo. Quest’ultimo era, di fatto, il regista della squadra quando aveva la licenza di aggiungersi alla linea dei centrocampisti, mossa tattica che ha schiacciato la Lazio nella sua metà campo. Che sia la definitiva consacrazione della Juventus 2020-2021? Lo scopriremo tra 12 finali.

About Redazione

Leggi anche

TARDELLI: “Tutti hanno un po’ di colpa. Il problema principale della Juve è il centrocampo”

Le parole dell’ex calciatore sulla situazione in casa Juventus LE SUE PAROLE – Marco Tardelli …