INCHIESTA JUVE, Nel mirino anche i procuratori

Dalle intercettazioni sarebbero emersi dettagli interessanti sui rapporti intrattenuti dal club con gli agenti dei giocatori.

OPS – Giorno dopo giorno, l’indagine “Prisma” entra sempre più nel vivo. Stando a quanto riportato dalla Gazzetta dello Sport, infatti, è emerso un nuovo capo di accusa nei confronti della Juventus: dalle intercettazioni sarebbe trapelato che alcuni agenti siano stati pagati per delle operazioni di mercato inesistenti e che il club bianconero abbia fatto uso ricorrente di intermediari o agenti “di fiducia”, tra cui spiccano soprattutto i nomi di Jorge Mendes e Mino Raiola. Quest’ultimo, per l’affare De Ligt, avrebbe intascato 10,5 milioni di ‘oneri accessori’, ma è finito nel mirino degli inquirenti soprattutto per il trasferimento di Franco Tongya, coinvolto in un’operazione di scambio col Marsiglia che la Procura definisce “a specchio”, quindi senza movimento di denaro.  

About Redazione

Leggi anche

GILETTI duro su Dybala: “Mi pare che le maglie non contino più niente”

Anche il noto giornalista e conduttore è intervenuto sul rinnovo dell’argentino. CONCISO – Anche Massimo …