INFANTINO: “Ceferin, punendo i club, punisci anche i tifosi. Non dobbiamo parlare di guerra quando si parla di calcio”

L’avvertimento di Gianni Infantino al presidente Uefa.

SUPERLEGA – Intervistato da l’Equipe, il numero uno della Fifa Gianni Infantino torna a parlare della questione Superlega e dei club che vi hanno aderito. Interessanti le sue dichiarazioni sulla possibilità di punire le società.

Sulle sanzioni da comminare

“Certe sanzioni potrebbero avere conseguenze importanti e poi bisognerebbe prendersene la responsabilità. C’è da capire di che provvedimenti si parli, sento dire che bisogna punire i club, ma questo potrebbe voler dire castigare anche i calciatori, gli allenatori e i tifosi delle società coinvolte che non hanno nulla a che spartire con il progetto della Superlega. E’ compito delle istituzionali nazionali, poi dell’Uefa e quindi della Fifa, prendere le decisioni opportune. Io, anche nelle situazioni più delicate, sono per il dialogo e non per i conflitti. Dobbiamo evitare di parlare di guerra quando si parla di calcio, soprattutto in un momento come questo in cui tutto il mondo fa i conti con una pandemia senza precedenti”

Il messaggio al presidente Uefa Ceferin

“Un leader ha anche il dovere di chiedersi perchè si è arrivati a tutto questo e, partendo da questa domanda, costruire un futuro diverso parlando e ascoltando tutti, soprattutto i tifosi che sono il cuore del calcio. Tutto il mondo ha sofferto per il Covid, non solo il calcio, dobbiamo trovare le soluzioni per un sistema più sostenibile, penso all’introduzione del salary cap, a limitare le cifre dei trasferimenti, a un tetto alle rose, a un numero massimo di partite. Meno quantità e più qualità, magari con i play-off nei campionati nazionali”

About Redazione

Leggi anche

RONALDO, L’Uefa apre un’indagine sui cori contro il portoghese

Sotto indagine la prima e la seconda gara dell’Europeo del Portogallo. NAZIONALI – La Uefa …