INTER-JUVE, Tardelli: “Per la Juve è più decisiva. Ad Allegri manca uno come Barella. Chiesa è determinante”

Il doppio ex di Juve e Inter parla del match di domani sera tra le sue due vecchie squadre.

DICHIARAZIONI Marco Tardelli, nell’intervista rilasciata a La Gazzetta dello Sport, ha parlato di Juventus, Inter e di alcuni protagonisti del Derby d’Italia che domani sera accenderà San Siro. Quelle vissute dal campione del mondo con le maglie di Inter e Juve sono state due avventure totalmente opposte: campione d’Italia e d’Europa con i bianconeri, poco più di quaranta presenze da giocatore e un esonero da allenatore con i nerazzurri. Tuttavia, Tardelli è rimasto legato ad entrambe le realtà e il derby d’Italia di domani sarà per lui un bellissismo tuffo nel passato. Queste le sue parole dalle colonne della rosea:

“È una sfida già molto importante per le ambizioni delle squadre, ma è più decisiva per la Juve, sono i numeri a dirlo. Mentalmente sarebbe dura ripartire e pensare allo scudetto con un divario così importante. E davanti corrono. La Juve non è ancora la Juve. È ritornata, ha fatto delle belle cose ma l’anima della squadra oggi è la difesa e quindi non può essere vera Juve. Questa squadra si sta reggendo molto sulla compattezza difensiva e tutto parte dal lì, non avendo un centrocampo ancora in grado di dare equilibrio e legare tutti i reparti. Allegri l’ha sistemata bene perché ha trovato la formula per ottenere il meglio anche in questa maniera, cioè basandosi sulla difesa e sulle ripartenze di Chiesa, Morata e gli altri in grado di fare la differenza.”

Su Barella:

“Tornerà la vera Juve quando si riuscirà a inserire qualcuno in mezzo. Manca un vero play oltre a un uomo alla Barella, che invece sta rendendo grande l’Inter.”

Sul Federico Chiesa:

“Federico Chiesa è quello che meglio di tutti sa penetrare e mettere in pericolo le difese, i tre dietro dell’Inter sono forti fisicamente ma possono soffrire nell’uno contro uno in velocità e nella rapidità nello stretto. Ripartire velocemente è l’arma della Juve: Cuadrado, Morata e Bernardeschi sanno fare male in campo aperto, ma l’uomo determinante non può che essere Chiesa. Se lui sta bene può creare grossissimi problemi a questa Inter. In fondo non credo che la Juve tenterà molto di scoprirsi. Allegri ha capito che si vince in tante maniere e non solo col possesso palla, ma lui umilmente ha capito che questa Juve ha bisogno di giocare così per riscalare la classifica.”

About Redazione

Leggi anche

DI NECESSITA’ VIRTU’. PRONTUARIO DI SOPRAVVIVENZA BIANCONERA

Una classifica deficitaria che racconta di un settimo posto in campionato, il tonfo clamoroso a …