E ADESSO?

La sconfitta contro il Benevento ha demolito le poche certezze rimaste dopo la debacle europea. In casa Juventus si naviga in un mare di incertezza. La domanda è una sola: E adesso?

FUTURO CERCASI – La retorica calcistica insegna che dopo una pesante sconfitta si debba sempre “guardare avanti e perseguire gli obiettivi rimasti. Continuare a crederci”, parafrasando quanto detto anche da Andrea Pirlo nel post gara della sfida contro il Benevento. Sicuramente, vista la Coppa Italia da provare a conquistare e un piazzamento Champions da mettere in cassaforte, anche per la Juventus dopo la sosta nazionali sarà tempo di tornare a pensare al campo e archiviare un mese di grandi delusioni. Prima l’eliminazione dall’Europa, poi il ko rimediato contro gli uomini di Inzaghi che come una doccia gelata spegne salvo miracoli e ribaltoni al momento difficili da ipotizzare il sogno del decimo scudetto consecutivo. Le solide e sino a ieri imperforabili fondamenta bianconere sono crollate lasciando una incertezza che in quel di Torino poche volte si è respirata. Arriverà il tempo del campo, oggi però sono ancora i giorni dei processi, delle ipotesi, delle opinioni. Sono i giorni in cui la sola domanda è: e ora? Adesso che succede?

Da Paratici e Nedved a Pirlo e i giocatori…nessuno è esente da colpe. In mattinata (via la Stampa) si è parlato di un Andrea Agnelli tutt’altro che felice e di un clima teso nello spogliatoio bianconero nel post partita di ieri. Voci che, qualora fossero vere, non farebbero altro che confermare la sensazione di “esami in corso” generale che si respira ( e che probabilmente si respirerà sino a fine stagione) in quel di Torino. Dal futuro di Pirlo, che pur se ufficialmente confermato dalla società continua ad essere in bilico, sino ad eventuali successori (Mancini e un Allegri bis le ultime idee). E che dire di Paratici, apparentemente inamovibile per Agnelli, ma criticato su più fronti e ancora in attesa di rinnovo? Sul fronte calciatori la situazione non è meno intricata. Dal futuro di Ronaldo, al mistero Dybala, da Morata che dopo un avvio appannato sembra essersi inceppato, sino ai possibili partenti Ramsey e Rabiot. Senza considerare De Ligt e la sempre presente spada di Damocle nella persona di Raiola. C’è il mercato in entrata, si potrebbe obiettare….anche quello incerto per via dell’emergenza sanitaria e della crisi che ha investito il mondo del calcio. La Juventus, insomma, riparte da Chiesa, McKennie e poco altro. E adesso? Adesso chissà…nella speranza di tutto l’ambiente bianconero che col finale di stagione inizi ad arrivare qualche risposta.

About Beatrice Canzedda

Leggi anche

MERCATO, La Juve piomba sul portiere italiano per il dopo Szczesny

L’interesse del club bianconero per il portiere OBIETTIVO – Secondo “Calciomercatonews.com”, la Juve starebbe pensando …