EX JUVE, Cabrini: “I bianconeri salvino l’anno con coppa e quarto posto”

L’ex leggenda bianconera interviene in vista della finale di Coppa Italia

LE DICHIARAZIONI – Nel lontano 1975 ha indossato la maglia dell’Atalanta, in serie B. Al suo fianco, manco a farlo apposta c’era un difensore destinato a diventare molto importante per la storia del club, Antonio Percassi. L’anno successivo, Antonio Cabrini venne prelevato dalla Juventus ed a Torino incontrò subito un ragazzino delle giovanili. Che in una stagione e mezza avrebbe trovato spazio solo in alcune gare di Coppa Italia, un certo Gampiero Gasperini. Oggi avversario di quella che per il campione del mondo del 1982 sarebbe diventata la squadra della vita. Un aneddoto molto curioso e particolare, che aumenta l’interesse per la finale di stasera. Intervenuto davanti ai microfoni della Gazzetta dello Sport, Cabrini da doppio ex ha fatto un bilancio generale sulla situazione che stanno attraversando entrambe le squadre:

Partiamo dai ricordi? L’anno a Bergamo

“Importante, formativo, in una piazza e una città meravigliosa, in un club che con i giovani è sempre molto attento. Allora il presidente era Achille Bortolotti, presentissimo. E io giocavo con Antonio Percassi, che lo sarebbe diventato”

Gasperini in campo?

“Era un buon centrocampista, lineare, regolare. Un metodista, molto ordinato. Ma quello che ha raggiunto a Bergamo da allenatore è speciale e merita un applauso. Lo ha aiutato anche una società che mastica calcio, ma grande lavoro”

È lui il favorito per questa partita?

“Nelle finali non ci sono mai favoriti”

Il discorso Champions che si è riaperto per la Juve è un aiuto morale o una distrazione?

“È un discorso che non troverà posto domani: la coppa è un traguardo che in un momento come questo è fondamentale, i bianconeri saranno capaci di scindere”

Per l’Atalanta può essere la certificazione di essere diventata una grande?

“L’hanno già avuta: si sono consacrati da parecchio tempo sia in campionato che in Champions. Certo sarebbe un trionfo di prestigio, ancora di più per chi non vince questa coppa da qualche decennio”

Ronaldo, Morata, Dybala contro la cooperativa del gol bergamasca: sarà una finale nel segno degli attacchi? Quale preferisce?

Entrambi i reparti hanno tanti gol nelle gambe, ma più che altro mi preoccuperei dei settori difensivi. Sia l’Atalanta che la Juventus in varie occasioni mi sono sembrate un po’ in difficoltà in difesa, prendendo qualche rete di troppo”

Lì dietro, in casa juventina, potrebbe essere l’ultima per due monumenti: oltre a Buffon c’è Chiellini, il cui futuro è tutto da decidere…

“Terminare bene è sempre importante, ma non è che abbiano niente da dimostrare. Non sarà questa partita a cambiare qualcosa nella loro carriera. E devono decidere solo loro, senza ascoltare nessuno, quando sarà arrivato il momento di smettere”

Gara importante per tutti, ma per Andrea Pirlo un po’ di più: vincere a Reggio Emilia e trovare una qualificazione Champions last-minute può salvarlo?

“Non so cosa abbia in testa la dirigenza: se si aspettavano di fare molta più strada in Champions tutto il resto conta poco. Ma se vince questa coppa, la aggiunge alla Supercoppa e poi centra il fondamentale obiettivo dell’ingresso in Champions, magari può essere considerato sufficiente in un’annata di transizione. Poi certo ci sta tutto…”

About Redazione

Leggi anche

Eurofucus, il punto sui prossimi avversari

Alla scoperta della Turchia, primo avversario dell’Italia ad Euro2020 Ci siamo, questa sera inizierà ufficialmente …