FOCUS, Alla ricerca del vero Dusan

Zero gol nelle ultime quattro partite: cosa è accaduto ad uno dei bomber più prolifici del nostro campionato? Il giocatore è apparso particolarmente nervoso anche nella gara di venerdì contro il Genoa, ossessionato da un gol che tarda ad arrivare

CE LA FARANNO I NOSTRI EROI? Parlare di crisi è forse esagerato, ma una cosa è certa: nelle ultime settimane, l’involuzione di Dusan Vlahovic è ormai sotto gli occhi di tutti. La sua immagine, in panchina al Ferraris, con un viso che trasudava tanta rabbia e nervi a fior di pelle è lo specchio del periodo più negativo che sta vivendo da quando è arrivato in Italia, con la quarta partita di fila a secco. 20 gol in 24 presenze con la Fiorentina e solo 7 in 18 presenze in bianconero: la differenza di rendimento da quando è approdato a Torino durante il mercato di gennaio sottolinea un feeling che fatica a decollare. Allegri, d’altronde, ci aveva visto lungo e aveva sempre predicato calma, convinto che le difficoltà prima o poi sarebbero arrivate. Per il peso della maglia che indossa; per il fatto di giocare ogni 3 giorni, cosa alla quale alla Fiorentina non era abituato; per le pressioni che si hanno quando si gioca in una realtà come la Juventus; perché gli avversari ti conoscono sempre di più e adottano le contromisure.

Dopo aver fatto sognare i tifosi presentandosi con un gran gol all’esordio contro il Verona e un paio di settimane dopo con un altro a 30 secondi dal suo esordio in Champions League contro il Villarreal, settimana dopo settimana è accaduto l’impensabile. Vlahovic, infatti, ha perso il fuoco, la spensieratezza, la cattiveria delle prime partite, apparendo sempre troppo nervoso e ostinato nel cercare un gol che si avvicina più ad una soddisfazione personale piuttosto che a quella della sua squadra. Certamente, il momento che sta attraversando è anche frutto di uno scacchiere tattico che forse non esalta al meglio le sue caratteristiche e che, rinchiuso dalla mancanza di cross e verticalizzazioni, lo costringe spesso e volentieri a giocare spalle alla porta, faticando e non poco a trovare sia la giusta posizione che la serenità necessarie ad un attaccante. Dati alla mano, i numeri della sfida contro il Genoa, ad esempio, sono incredibilmente negativi: solo 25 palloni toccati (di cui solo 5 in area di rigore), 0 contrasti fatti (e di conseguenza vinti), di 7 duelli, solo 2 hanno avuto esito positivo, mentre 0 è anche il numero di intercetti, assist e cross.

A tutti, anche ai migliori, è capitato di vivere periodi del genere e l’importante è sapere come uscirne. La finale di Coppa Italia contro l’Inter potrebbe essere proprio l’occasione giusta affinché Vlahovic recuperi il sorriso e torni ad essere decisivo come ci si aspetta da un bomber del suo calibro. Il rischio, altrimenti, lo conosciamo: basta davvero poco per invocare la crisi definitiva.

About Eleonora Francini

Leggi anche

MERCATO, Luca Pellegrini ai saluti. Due le possibili strade per lui

Il terzino, non impiegato con continuità da Allegri, è pronto a lasciare Torino ARRIVEDERCI. Per …