CASO PLUSVALENZE, Le motivazioni della sentenza

I motivi che hanno spinto il Tribunale Federale a non procedere nell’indagine

SENTENZA – Non è possibile avere un risultato oggettivo. E’ in sostanza questa la motivazione che ha spinto il Tribunale Federale a non procedere con il caso plusvalenze. Ecco un passaggio della sentenza:

il Tribunale ritiene, in primo luogo, che solo poche delle cessioni esaminate dalla Procura Federale presentino quelle caratteristiche dalla stessa individuate quali sintomi di operazioni “sviate” e finanziariamente “fittizie”. Indubbiamente, tali cessioni destavano e destano sospetto, che tuttavia non attinge la soglia della ragionevole certezza, data da indizi gravi, concordanti e plurimi, così come già ritenuto in passato Infatti, e ciò vale per tutte le cessioni oggetto di deferimento e non solo per quelle meritevoli di sospetto, il metodo di valutazione adottato dalla Procura Federale può essere ritenuto “un” metodo di valutazione, ma non “il” metodo di valutazione. Mentre, il confronto con le valutazioni presenti nel sito Transfermarkt (per quanto utilizzate in talune perizie o richiamate in alcuni contratti per volontà convenzionale delle parti contraenti) non può corroborare quel metodo, atteso che trattasi di un sito privato (peraltro non unico), privo di riconoscimento ufficiale anche e soprattutto da parte degli organismi calcistici internazionali e nazionali, influenzato da valutazioni di soggetti privati meri utenti del sito stesso. Emblematico, a tale proposito, è il caso del calciatore Gianluca Caprari, citato dalla difesa della Delfino Pescara 1936 Spa, la cui valutazione sul sito, alla luce di una mail
inviata dal di lui agente sportivo, nel volgere di breve termine è stata consistentemente elevata.

About Redazione

Leggi anche

PLUSVALENZE, La Corte federale d’Appello cancelle le accuse contro i club coinvolti

Secondo scacco matto dei vari club coinvolti PLUSVALENZE – Stando a quanto riferisce “Tuttosport“, arriva …