CORRIERE DELLA SERA, Una Coppa da duri riaccende il calcio

Atalanta Juventus davanti a 4300 spettatori, bergamschi favoriti dai bookmakers

REGGIO EMILIA – Una sfida dai mille significati, uno scontro tra due filosofie nettamente differenti di intendere il calcio, in contrapposizione l’una con l’altra. L’Atalanta, che ha pareggiato a Torino e battuto i bianconeri non più di un mese fa, parte con i favori del pronostico. Sarà una notte da duri, durante la quale i bergamaschi si impegneranno al massimo per tenere alto il ritmo di gioco. E per tagliare ogni rifornimento a Sua maestà CR7. Il capitano della Vecchia Signora Giorgio Chiellini considera l’Atalanta ancora una favola, nonostante la Dea abbia centrato la qualificazione alla Champions per il terzo anno di seguito. E nonostante solo in campionato abbi all’attivo un totale di 90 reti messe a segno, numeri da capogiro. “Abbiamo voglia di fermare la favola Atalanta, speriamo rimanga incompiuta per un altro anno“. Queste le parole del capitano juventino, che di fatto fanno eco alla celebre frase infelice del presidente Andrea Agnelli, che preparava il terreno alla Superlega:

“Ho grande rispetto per quello che sta facendo l’Atalanta, ma senza storia internazionale e con una grande prestazione sportiva ha avuto accesso diretto alla Champions”

I chiarimenti con il collega Percassi ci sono stati ma come riporta il Corriere della Sera, resta la puzza sotto il naso. Una lotta di nervi, con l’ultima giornata a fare da contorno. La Dea è già in Champions e domenica, qualora dovesse fermare il Milan, aiuterebbe notevolmente i bianconeri. Che invece dovranno vincere a Bologna per sorpassare eventualmente i rossoneri e partecipare alla massima competizione per club. Ma Gasperini è stato chiaro: questa Atalanta giocherà per vincere sia stasera, sia il prossimo weekend. Dove tutto ebbe inizio. Al Mapei Stadium la Juve ha vinto la Supercoppa contro il Napoli e contro il Sassuolo dopo essere stata battuta a Torino dal Milan. Il Gasp ha iniziato il suo cammino internazionale giocando l’Europa League. Nella città che diventerà simbolo per la rinascita del calcio, la foto del ricordo sarà solo per uno.

About Redazione

Leggi anche

POGBA: “Futuro? Ora nella mia testa c’è solo l’Europeo”

Le parole del centrocampista francese DICHIARAZIONI – Intervenuto ai microfoni di Sky Sport al triplice …