DE ZERBI: “Locatelli è prontissimo per la Juve. In tre anni non ha perso un contrasto”

Il neo tecnico dello Shaktar Donetsk ha parlato dei suoi ragazzi ai tempi del Sassuolo.

TRA CALCIO E MERCATO – Intervistato da La Gazzetta dello Sport, Roberto De Zerbi ha rivissuto le emozioni dell’Italia campione d’Europa, soffermandosi sui calciatori neroverdi che hanno contribuito al successo della Nazionale. Queste le parole dell’allenatore.

Sui calciatori del Sassuolo campioni d’Europa

“Mi sono emozionato come un genitore, ma erano e sono dei giocatori forti, io ho soltanto cercato di trasmetter loro la mentalità dell’allenarsi sempre al 110 per cento, dell’essere protagonisti e non comprimari. E così è stato: quando Locatelli e Berardi sono entrati nella finale contro l’Inghilterra, l’hanno fatto col piglio giusto. Orgoglioso di loro. Berardi aveva soltanto bisogno di rimettersi in carreggiata. Su Locatelli e Raspadori mi viene da sorridere quando sento gli unanimi commenti positivi su entrambi, perché tempo fa molti si chiedevano se Locatelli fosse più o meno umile o con i piedi per terra, quando Manuel è un ragazzo d’oro. E per Raspadori si tirava fuori il metro per misurare quanto fosse alto…”

Su Locatelli alla Juventus

“Prontissimo, per la Juve e per un grande club europeo perché incarna tutto quello che un centrocampista deve essere oggi: è bravo nella costruzione e a inserirsi, dà quantità, in tre anni non gli ho visto perdere un contrasto. Ha personalità da vendere, è intelligente tatticamente, si presta a qualsiasi tipo di calcio. Raspadori sa giocare con la squadra in più ruoli d’attacco ed è forte nelle gambe”

About Redazione

Leggi anche

DI CANIO: “Lukaku non pervenuto contro le big. Locatelli e Bentancur devono stare sul giro palla”

L’intervista di ‘Tuttosport’ all’ex attaccante della Lazio DI CANIO – In occasione del match di …