FOCUS, Alla scoperta di Marley Akè

Il francese è uno dei giovani in rampa di lancio in casa Juventus

IDENTIKIT – Il 18 gennaio 2022 il mondo Juventus ha scoperto un talento. L’ingresso di Marley Akè durante l’ottavo di finale di Coppa Italia, vinto 4-1 dai bianconeri contro la Sampdoria, potrebbe essere considerato uno dei più devastanti nel rapporto minuti-qualità delle giocate, almeno nella storia recente bianconera. Pronti via, il classe 2001 si è guadagnato un calcio di rigore sfruttando una delle sue doti principali, vale a dire la velocità palla al piede, prima di deliziare i (pochi) presenti allo Stadium con un tacco delizioso con il quale ha fatto partire un dai-e-vai con Bentancur. Due giocate di altissimo livello che, però, sorprendono solo i meno informati: è bene sapere, infatti, che non ci troviamo davanti a un novellino. Arrivato nel gennaio 2021 in uno scambio con l’Olympique Marsiglia che ha portato in Francia l’azzurro Franco Tongya – operazione finita tra l’altro nel mirino del Covisoc per il caso plusvalenze – Akè vanta già 18 presenze con la prima squadra degli Olympiens, di cui 4 in Champions League. Il suo talento è venuto fuori nella seconda squadra del club provenzale, quando nella stagione 2018-2019, in 37 presenze, ha realizzato 14 reti giocando da esterno. A proposito, la sua collocazione tattica potrà essere un fattore anche per avere maggiore importanza e minutaggio in futuro: con Lamberto Zauli in Under 23 ha giocato anche da terzino, dimostrando capacità di giocare come esterno a tutta fascia, sulla scia di quella che è stata l’evoluzione calcistica di Juan Cuadrado. Per la Juventus, sapere di avere già in casa il suo erede è un’ottima notizia.

SUL CARRO – Sono bastati 20′ a tanti tifosi bianconeri per innamorarsi del giovane transalpino. C’è chi lo ha già designato l’erede homemade di Federico Chiesa per questo finale di stagione e chi lo paragona al primo Douglas Costa. I più attenti sono riusciti a ritrovare un video, caricato dalla sua ex squadra, nel quale si vede Akè dribblare un paio di avversari con grande facilità, prima di provare a sorprendere il portiere da distanza siderale: salta all’occhio la grande personalità, che ha dimostrato anche all’esordio con la Vecchia Signora e che non è passata inosservata. Parafrasando Massimiliano Allegri, quello che ci vuole è equilibrio: il ragazzo ha mostrato di avere le capacità fisiche e tecniche per stare ad alti livelli, va aspettato il giusto senza però bruciarlo. Solo allora, come d’incanto, la sua valutazione di 8 milioni finita nel mirino della Commissione di Vigilanza sembrerà irrisoria. Le premesse ci sono tutte.

About Samuele Ravara

Leggi anche

FOCUS, Il recap di una stagione fallimentare

Ad una partita dal termine della stagione, tracciamo un bilancio della stagione dei bianconeri, conclusa …