FOCUS, Il resoconto di Juventus – Barcellona 2-2: i lampi di Di Maria e la freddezza di Kean rispondono a Dembelè

Buon pareggio per i bianconeri, con alcune indicazioni importanti a poco più di due settimane dall’inizio della stagione

FINALE Juventus – Barcellona restituisce a Max Allegri un quadro ancor più chiaro della situazione dei suoi: nonostante una forma fisica ancora in fase di definizione e qualche amnesia difensiva, i bianconeri dimostrano carattere recuperando per due volte il risultato contro un Barcellona ricco di talento non solo tra i titolari, ma anche dalla panchina. La gestione dei suoi giocatori, a differenza della prima sfida contro i Chivas, è diversa: più minuti ai titolari, mentre Vlahovic e Mckennie vengono tenuti ancora a riposo.

PARTENZA -Il tecnico toscano schiera inizialmente un 4-3-3 con Szczesny tra i pali, Danilo, Bonucci, Bremer e Alex Sandro in difesa; centrocampo a tre formato da Locatelli, Rovella e Zakaria, mentre il tridente offensivo è formato da Di Maria, Kean e Cuadrado. Per la Juventus l’inizio è difficile – con il Barcellona che tiene il centro del ring ininterrottamente per i primi 7-8 minuti. Poi, però, i bianconeri cominciano ad ingranare trascinati da quello che, già dopo poche settimane, è già un leader: Angel Di Maria. Il Fideo è ispiratissimo, svaria su tutto il fronte offensivo aprendo spazi soprattutto sulla fascia sinistra, dove c’è un Cuadrado non ancora in palla che non riesce a trasformare in pericoli concreti situazioni potenzialmente pericolose. L’ex PSG ha la libertà di spostarsi dalla fascia destra al ruolo di trequartista, fino a risalire a centrocampo per dare qualità alla manovra offensiva bianconera. Il vantaggio blaugrana, con Dembelè, è frutto di un’azione personale del francese e una non perfetta copertura di Alex Sandro. La Juventus, comunque, non si scompone, e trova poco dopo il pareggio: giro palla tutto di prima che coinvolge Zakaria, Locatelli e poi Cuadrado, che mette un pallone interessantissimo sul quale si fionda Moise Kean, che batte Ter Stegen. Nemmeno il tempo di godersi il pareggio, però, che è ancora Dembelè a trovare il vantaggio, sfruttando una copertura troppo morbida di Cuadrado e infilando per la seconda volta il numero uno bianconero. I primi 45′ si chiudono sul risultato di 2-1 per i ragazzi di Xavi. Positiva la prova di Bremer, che ha dimostrato sicurezza e un buon affiatamento con Bonucci.

RIPRESA – I bianconeri ripartono con due cambi: Perin per Szczesny, Gatti per Bonucci. L’ex Frosinone va così a comporre l’inedita coppia con Bremer. Dopo Dembelè, anche Kean trova la doppietta personale: traccia illuminante di Di Maria fermato dalla difesa del Barcellona, la palla arriva a Zakaria che vede l’inserimento di Locatelli bravo a toccare per l’attaccante azzurro classe 2000, che ristabilisce la parità. All’ora di gioco girandola di cambi, con Rugani, Pellegrini, Fagioli e Compagnon che fanno il loro ingresso in campo al posto di Bremer, Alex Sandro, Locatelli e Danilo. Il Barcellona cresce alla distanza e colpisce due incroci nella stessa azione, prima con Raphinha su calcio piazzato e poi con Ansu Fati. Al 75′ di un’amichevole del 27 luglio, Di Maria viene ammonito per proteste: serve altro per capire che significa essere un campione? Proprio Il Fideo lascia il posto a Soulè, mentre Kean viene sostituito da Cudrig e Cuadrado da Barbieri. Complici stanchezza e caldo ( il match è iniziato con 38°), gli ultimi minuti della partita scivolano via a ritmi molto più lenti: nessuna delle due squadre spinge eccessivamente alla ricerca del vantaggio, con l’unico pericolo creato da Gavi e sventato da Perin. Il prossimo avversario sarà il Real Madrid campione d’Europa: una sfida che aggiungerà un tassello in più al quadro di questa Juventus.

About Samuele Ravara

Leggi anche

MERCATO, Kean in uscita ma non subito. Il punto della situazione

Ultime due settimane di calciomercato: la Juventus lavora per consegnare ad Allegri la rosa definitiva. …