JUVE, Non si fermano le beghe legali

TORINO – La Juve in questi giorni sta vivendo un periodo davvero davvero brutto tra l’avviso di garanzia a Paratici e la stagione che non decolla rischia un mental breakdown ma non è finita qui perché è di questi giorni la notizia che la procura di Torino sta indagando su una truffa che coinvolge la Juve e e CR7.

I FATTI – Indagato al momento sarebbe il fratello di Cristiano Ronaldo, il 45enne Hugo Dinarte Santos che si occupa degli interessi del fratello e del museo di Funchal a lui dedicato. Come riporta il giornale “La Stampa”, il fratello di Ronaldo avrebbe acquisito circa 13 mila magliette dalla Pegaso, azienda torinese, questa produzione era stata commissionata da Ronaldo ma naturalmente il club non aveva deliberato in merito. L’azienda torinese coinvolta ha comunque dimostrato di aver ricevuto l’autorizzazione dalla società “Mussara” di cui Hugo Dinarte Santos ne è proprietario. La Pegaso ha sporto denuncia di querela per i due fratelli ma al momento risulta indagato solo il 45enne portoghese. La procura ha poi scoperto che il fratello del celebre calciatore avrebbe acquistato queste magliette al costo di 4 euro per poi rivenderle nel museo di Funchal a 40 euro! Hugo Santos avrebbe quindi incassato circa 500 mila euro senza mai restituirli al fratello ma ha anche messo in vendita magliette non autorizzate. Un bel casino che si spera finisca presto ma che porta un bel da fare alla Juve e al suo calciatore più promettente.

About Redazione

Leggi anche

CORSPORT, La Juve fa le prove senza Cristiano

Questa sera alle ore 21:00 test contro il Monza per assegnare il trofeo Berlusconi. Ronaldo …