KULUSEVSKI, Gol e riscatto

Subentrato nella ripresa al posto di Bernardeschi per lo svedese è arrivata la gioia del gol, che ha cambiato le sorti di quella che sembrava essere l’ennesima prestazione anonima.

SODDISFAZIONE – Il 20 ottobre rimarrà per sempre una data importante nella vita di Dejan Kulusevski: la data del primo gol in Champions League. L’esultanza è arrivata al minuto 86’ di una partita dura, durissima. Lo Zenit è stato capace di annullare la Juventus per quasi tutta la partita: l’unico acuto (oltre a quello vincente) è stato un inserimento di Mckennie su assist di Morata, neutralizzato dal portiere Kritsyuk. In casa bianconera – come riporta Fabiana Della Valle nel suo articolo per la Gazzetta dello Sport – ha pesato sicuramente l’assenza di Paulo Dybala, il giocatore di maggior talento, in grado di decidere le sfide complicate come quella della Gazprom Arena. Nonostante tutto per i ragazzi di Allegri è arrivato un successo importantissimo, che sa di qualificazione. Sei vittorie di fila, di cui quattro per 1-0, sintomo di una fiducia del gruppo ritrovata e di un processo di crescita ormai ben avviato. La solidità difensiva è ciò che più di tutto testimonia il passo in avanti fatto dalla squadra. Le incertezze iniziali sono ormai soltanto un brutto ricordo, l’attualità parla d’altro. A proposito: domenica sera ci sarà il derby d’Italia, la vera prova del nove.

About Redazione

Leggi anche

MERCATO JUVE, Sondaggio per Roberto Mancini

La società bianconera starebbe pensando al tecnico della Nazionale come sostituto di Allegri dalla prossima …