JUVENTUS, Buffon: l’ultima follia

Dalla Coppa Italia in bianconero all’ultima tappa: Parma nel cuore, Roma defilata oppure l’estero

TORINO – La follia non è condizione tipica delle persone comuni. Anzi è proprio questa la caratteristica che da sempre ha contraddistinto i più grandi geni della storia dal resto della popolazione. Lo può confermare nei giorni nostri Gianluigi Buffon che all’alba di 43 anni è ancora di gran lunga il migliore nel suo ruolo. Il numero 1 tra i numeri 1. La respinta su Palomino ha dato un gran contributo a Gigi ed alla sua Juventus nel vincere la finale di Coppa Italia contro l’Atalanta. Mettendo mani sull’ennesimo trofeo, in una storia d’amore che non finirà mai e poi mai. La sua avventura con la casacca bianconera però sta per giungere la termine. Prima il brindisi con il presidente Agnelli, poi Gigi deciderà cosa fare del suo futuro. In questo senso però, almeno per ora, l’estremo difensore non ha intenzione di ritirare i guantoni nell’armadio. Quando l’età è solo un numero. Per Buffon è così.

RITORNO A CASA – Come riferisce Tuttosport, potrebbe prendere forma una clamorosa ipotesi. Il ritorno di Buffon a Parma, nella squadra dove ha avuto inizio la sua storia. Nella squadra dove tra le tante, ha vinto l’unico trofeo Internazionale della sua prestigiosa ed unica carriera. Il tutto è partito da un post pubblicato dal patron ducale Krause, che aveva annunciato l’acquisto di un italiano. Evidentemente riferito a Massimiliano Notari, nuovo capo dell’area scouting. Ma a quanto pare non è proprio così, visto che il patron americano è un grande estimatore di quello che è uno dei migliori portieri della storia. La Via Emilia potrebbe rivelarsi un sentiero molto significativo da percorrere per un giocatore che a 43 anni, ha ricevuto chiamate dall’estero. In particolare da Galatasaray, Sporting Lisbona e Dynamo Kiev. Tornando in Italia, il nuovo allenatore della Roma José Mourinho si è mostrato interessato ad avere Gigi a difesa della propria porta in vista della prossima stagione. Le proposte non mancano, con il telefono di Buffon che evidentemente, resterà molto attivo da qui alle prossime settimane.

About Redazione