ROMERO: “Quando arrivai a Torino legai subito con Dybala, Danilo, Chiellini e Bentancur. La Juve è la Juve ma non voglio fare panchina”

Le dichiarazioni del difensore nerazzurro sulla rapida esperienza bianconera.

BERGAMO – Intervistato da Sportweek, il difensore Cristian Romero ha confessato i retroscena del suo passaggio dalla Juventus, al Genoa, poi all’Atalanta.

Su Bonucci

“Non c’era niente da chiarire. Sono cose che nascono e muoiono al momento. Anzi, mi ha fatto i complimenti per la qualificazione in Champions conquistata con l’Atalanta”

L’arrivo alla Juventus, poi l’Atalanta

“Sicuramente. In estate, prima di trasferirmi a Torino, mi sono confrontato parecchio con Dybala, che è argentino come me. Poi, nelle tre settimane che sono rimasto in ritiro con la Juve, ho legato soprattutto con lui, Danilo, Chiellini e Bentancur. Con loro ho parlato, sì. Ma quando sono arrivato a Bergamo ho capito subito che l’ambiente era diverso rispetto alla Juve. Qui ci sono parecchi giovani, lo spogliatoio è formato da ragazzi semplici che ti fanno sentire uno del gruppo”

Sul trasferimento

“Quando mi lasciarono al Genoa sapevo di non essere ancora pronto per giocare con loro: dovevo accumulare altra esperienza, altre partite in Serie A. L’estate scorsa la Juve ha cambiato allenatore e ho capito che sarebbe stato difficile restare: ci speravo, ma c’erano tanti difensori centrali, gente con un grande nome: Bonucci, Chiellini, De Ligt… Ho chiamato Ciro Palermo, il mio agente, e gli ho detto più o meno: ‘Qui non c’è spazio per me, cerchiamo un’opzione da qualche parte, non voglio stare fermo e perdere un anno’. A me non serve giocare cinque o sei partite a stagione. Sono giovane, per crescere ho bisogno di giocare. La Juve è la Juve, ma non voglio rimanere in panchina”

About Redazione

Leggi anche

OPPINI su Dybala: “Il rinnovo può disturbarlo. Ma deve fare di più”

Il numero 10 ha segnato la rete del 2-0 con il Malmoe nella serata europea …