SZCZESNY: “Rompermi le braccia in palestra da adolescente mi costa ancora oggi”

Le parole del portiere della Juventus.

DICHIARAZIONI Wojciech Szczesny, nel corso di un’intervista rilasciata a Kanal Sportowy, ha toccato tematiche riguardanti allenamenti mentali e i problemi fisici personali. Di seguito le parole del portiere della Juventus riprese da Calciomercato.com:

Sull’allenamento mentale:

“È assurdo che nel 2022 i club professionistici non abbiano un allenamento mentale obbligatorio per i giocatori. Fai un’intervista a qualsiasi giocatore di calcio e ti dirà che il 70% delle prestazioni è nella sua testa. E il 100% dell’allenamento obbligatorio invece è fisico. Ci sono psicologi nei club, e i giocatori possono usare i loro servizi se vogliono, ma non c’è un allenamento mentale obbligatorio”.

Su alcuni problemi fisici personali:

“Rompermi le braccia in palestra da adolescente mi costa ancora oggi. Ogni salvataggio per me è doloroso. Non ne parlo troppo perché ci sono abituato. Se rimuovessi le piastre di metallo dalle braccia, potrebbe aiutarmi, ma il recupero richiederebbe alcuni mesi. Ho trovato una soluzione con i miei guanti che aiuta un po’, ma prima del 2018 ho vissuto situazioni in cui il dolore era così grande che dopo l’allenamento non potevo togliermi i guanti o aprire una bottiglia d’acqua”.

About Redazione

Leggi anche

STOJKOVIC: “Felice per Kostic, aspettava la Juve. Vlahovic ha bisogno di cross”

L’intervista al CT della Serbia di ‘Tuttosport’ INTERVISTA – La Juventus parla serbo. Dopo l’acquisto …