UNA DOMENICA DA “NON” DIMENTICARE

E’ stata una bella partita, tra due grandi squadre. Lazio – Juventus (Live MBN) non ha deluso le aspettative ma, visto l’epilogo, ha deluso senza dubbio i tifosi bianconeri.
Non è stata una bella domenica, perchè la Juve non ha mai realmente sofferto contro i biancocelesti, almeno fino al recupero. Ha tentato, e ci è più volte riuscita, a dominare la gara; ha sfiorato il raddoppio con un palo di Ronaldo nel primo tempo, con un CR7 che ha fatto il buono ed il cattivo tempo ma che è stato costretto ad uscire al 75esimo dopo uno scontro con Luis Alberto. La sua assenza ha pesato senza dubbio nel peso specifico della squadra nell’ultimo quarto di gara. Purtroppo, contro le grandi, non sono permessi cali di concentrazione se si vuole portare a casa il risultato. Parole dello stesso Pirlo che, nel post gara di Roma, oltre a ribadire quanto CR7 sia fondamentale ha pure sottolineato quanto siano importanti i dettagli; il pareggio della Lazio scaturisce da una gestione del pallone “maldestra” da parte dei suoi uomini, questo non è di certo un caso.
Comunque, tutti hanno dato il massimo e questo vale più di tante altre cose, considerando anche le pesanti assenze dell’ultimo minuto: sabato lo stop di Chiellini e ad una “manciata” di minuti dall’inizio quello di Chiesa, con l’esterno che si è fermato per un problema muscolare, senza nemmeno andare in panchina.

Proprio per questo, una giornata da “NON” dimenticare, per la mentalità impressa alla gara, per la voglia di dominare l’avversario, per le tante assenze. Sì, sarà una giornata che servirà da lezione, proprio come tutte quelle che verranno, che serviranno a crescere e dare forma alla Juve di Pirlo. È vero, il gol di Caicedo ad un secondo dalla fine che ti strappa la vittoria di mano è un boccone amaro. Una rete “beffarda” quanto pesante, che fa saltare l’aggancio in classifica al Sassuolo, secondo alle spalle del Milan che, per fortuna, pareggiando ieri sera 2-2 contro l’Hellas Verona resta a soli 4 punti di distanza.

“But never give up!” Mai mollare, ma proseguire da qui verso un’altra domenica, che ci auguriamo che possa anche essere più dolce oltre che “indimenticabile”. Prossimo appuntamento il 21 novembre, a Torino contro il Cagliari, dopo la sosta delle nazionali.

About Gianmarco Fusi

Leggi anche

VELOSO:”Chi temo di più? Kulusevski”

Parole di stima del centrocampista portoghese nei confronti di Kulusevski in vista della partita di …