BRIO: “Boniperti è stato un secondo papà per me”

Le dichiarazioni dell’ex bianconero che ricorda Giampiero Boniperti.

TORINO – Commozione ed emozione forte nelle parole di Sergio Brio quando nell’intervista di Tuttosport ricorda la leggenda bianconera.

Non è facile parlare di Boniperti senza commuoversi

“Mi mancherà nella vita normale. Noi abbiamo sempre continuato a sentirci, a scambiarci gli auguri, a fare qualche bella e profonda chiacchierata. “Mi raccomando, quando torni a Torino chiamami e ci rivediamo”: mi diceva sempre. Per me è stato un secondo papà”

E’ importante che venga omaggiato pubblicamente

“Perché è giusto che tutti, anche i più giovani, capiscano cosa è stato, cosa è e cosa resterà Boniperti per la Juventus. Due entità inscindibili. Sì, Boniperti è la Juventus”

Boniperti era la Juventus

“Lo so perché me lo sono fatto raccontare da chi ci ha giocato insieme: Boniperti è stato un grandissimo giocatore. Chi l’ha visto lo dice chiaro che è stato un fuoriclasse. E poi Boniperti, questo lo so per esperienza personale, è stato un grandissimo dirigente: di questo livello se ne vede uno ogni 100 anni. È stato un simbolo, un esempio, un maestro di calcio e di vita. L’onestà e il valore della parola sono stati i suoi segni distintivi, questi su tutti. Se diceva una cosa, la manteneva sempre. Ci ha trasmesso dei valori importanti”

About Redazione

Leggi anche

ON THIS DAY, Boniperti divenne presidente della Juventus

SOCIAL – Con un tweet sul proprio profilo ufficiale, la Juventus commemora la data di …