DA PARATICI A GRIEZMANN. NUOVA ERA JUVENTUS

Paratici conobbe Beppe Marotta. Nel 2004, dopo l’addio al calcio giocato, entró nell’organigramma della Sampdoria come osservatore proprio grazie all’intuizione dello stesso Marotta. La collaborazione fra i due fece crescere rapidamente il rampante Paratici e nel 2010 ecco la grande occasione: la Juventus. Una sfida complicata, visto che il club bianconero doveva ricostruire dopo anni difficili. Ma dopo 9 scudetti consecutivi, possiamo tranquillamente parlare di successo totale sotto tutti i punti di vista. Gran parte dei titoli li ha aggiunti alla bacheca da braccio destro di Beppe Marotta. Ma dal 2018, poco dopo l’arrivo di un certo Cristiano Ronaldo in bianconero, se l’è dovuta cavare da solo. E i risultati, ancora una volta, sono tutti dalla sua parte. Colpi ad effetto, esperienza e gioventù e un’incredibile capacità di anticipo sulle big europee per quanto riguarda i parametri zero (Emre Can, Ramsey e Rabiot sono solo gli ultimi della lista) hanno caratterizzato il suo exploit bianconero e la sensazione è che anche il futuro possa regalare nuove sorprese di calciomercato. Ora la nuova avventura al Tottenham, dopo 9 anni alla Juve.

Intanto la Juventus post-Paratici lavora sul calciomercato e valuta profili decisamente importanti per il suo attacco. Sono diversi i nomi che restano caldi sul tavolo della Vecchia Signora e che potrebbe piombare in prima fila nelle prossime settimane. Da monitorare con grande attenzione il futuro di Antoine Griezmann. L’’attaccante ha vissuto alti e bassi nella sua esperienza al Barcellona. Il suo futuro, infatti, è in bilico anche sul calciomercato e potrebbe vedere una svolta importante nelle prossime settimane. Il giocatore francese sarebbe potuto rientrare in un clamoroso intreccio con la Juventus, con il futuro di Cristiano Ronaldo e Paulo Dybala ancora da chiarire… la nuova era Juventus sta per iniziare.

About Gianmarco Fusi

Leggi anche

MARATONA….CON SPRINT FINALE

Sono iniziati i giochi Olimpici più attesi e difficoltosi della storia. Il calcio, almeno per …

COMMENTA