GRAVINA: “I pareri delle Asl erano due e di segno diverso”

Il presidente della Figc Gabriele Gravina rilascia una lunga intervista al Corriere dello Sport sulla situazione del calcio italiano, in particolare dopo l’anno delicato della pandemia. Tanti i temi affrontati trai quali la sentenza Juve-Napoli.

PROTOCOLLO APPLICABILE- Queste le dichiarazioni del numero uno della FIGC in merito:

“Il Collegio di Garanzia ha un ruolo ben chiaro nella giustizia sportiva. È la nostra Cassazione. Ma la Cassazione è un giudice di legittimità. Non dovrebbe entrare nel merito e entrare nel terzo grado di giudizio. Urge un chiarimento legislativo, per circoscrivere la giurisdizione. Altrimenti saremo costretti a ricorrere al Tar e poi al Consiglio di Stato contro le sentenze del Coni. Faccio notare che i pareri delle Asl erano due e di segno diverso. Ed erano stati giudicati da due giudizi federali di merito, che hanno ritenuto applicabile il protocollo. Ma non intendo discutere della sentenza. Io pongo un problema di funzionalità del sistema della giustizia italiana”.

About Redazione

Leggi anche

GRAVINA: “Troppi stranieri in Serie A. Bisogna rilanciare i vivai”

Il numero uno della Figc ha parlato della presenza di molti stranieri e pochi italiani …